In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione più piacevole per i nostri clienti.
Cliccando sul link "Informazioni" qui di fianco, puoi trovare le informazioni per disattivare l' installazione dei cookies,ma in tal caso il sito potrebbe non funzionare correttamente.Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK]
Aggiornato al 23/08/2019

È molto più bello sapere qualcosa di tutto, che tutto di una cosa; questa universalità è la cosa più bella.

Blaise Pascal
Claudio-Manfredi-La-musica-del-mare.JPG
Claudio Manfredi (1958-2011) – La musica del mare – Olio su tela

Bisognerebbe ascoltare il mare …


Com'è bello e buono il mare, che riflette sulle sue acque i raggi caldi del sole; che ha orizzonti che fanno sognare e viaggiare lontano; che senza confini non inizia e non finisce: le sue acque sembra  uniscano e dividano paesi e coste lontane, ma non appartiene a nessuno il mare. Non discrimina il mare: non fa differenza tra popoli e razze, tra ricchi e poveri, tra uomini e donne ... E  tutti amano il mare per quell'idea di pace e serenità, di emozioni che dà. Ognuno guarda verso il mare quando pensa alla libertà.


Volti affaticati, stanchi, segnati dal dolore, bruciati dal sole e dall'acqua salata: donne e uomini disperati e bambini tra braccia deboli rannicchiati. Tutti ignari del proprio destino, ma con la speranza di essere salvati, di arrivare ad una sponda dove approdare. E ricominciare …

E invece il mare li ha inghiottiti, li ha strappati all'unica speranza a cui erano aggrappati.
Nelle sue acque  le vite si sono mescolate, le paure e le urla disperate sono finite nel profondo dei suoi abissi, coperte dal rumore della superficie ondeggiante. Poi onda dopo onda, ha restituito i corpi ormai senza  vita, che come fantasmi sono riemersi immobili e galleggianti, cullati tra le potenti e fredde braccia del mare.

Com'è brutto e cattivo il mare: potente, indomabile, profondo e misterioso nella sua immensità. Prende tutto ciò che vuole senza chiedere e senza pietà. Nasconde nelle sue fredde e inaccessibili profondità  i segreti, le ricchezze, la storia dell'umanità. Ormai appartengono al mare.

Se il mare potesse parlare, quante cose avrebbe da dire, quante storie da raccontare, con il suo continuo calmo o fragoroso  movimento, con le sue onde che si infrangono dolcemente o  violentemente contro gli scogli, con le sue alte e basse maree …

E noi siamo sordi al suo eterno rumoreggiare. Ma se solo ascoltassimo il mare, quante cose potremmo capire!

Scarica l'articolo in PDFgenera pdf
Inserito il:23/04/2015 18:05:53
Ultimo aggiornamento:06/05/2015 12:33:42
Condividi su
Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy *
(*obbligatorio)
ARCHIVIO ARTICOLI
nel futuro, archivio
Torna alla home
nel futuro, web magazine di informazione e cultura
Questo sito utilizza cookies.Informazioni e privacy policy

Associazione Culturale Nel Futuro – Corso Brianza 10/B – 22066 Mariano Comense CO – C.F. 90037120137

yost.technology