In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione più piacevole per i nostri clienti.
Cliccando sul link "Informazioni" qui di fianco, puoi trovare le informazioni per disattivare l' installazione dei cookies,ma in tal caso il sito potrebbe non funzionare correttamente.Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK]
Aggiornato al 14/10/2019

È molto più bello sapere qualcosa di tutto, che tutto di una cosa; questa universalità è la cosa più bella.

Blaise Pascal

 

Buona Scuola: Autonomia, merito e valutazioni

di  Alessandro Ferrari e Michela Carlana – Action institute

 

Il tema dell’istruzione è di fondamentale importanza per lo sviluppo economico e sociale di un Paese. Negli ultimi anni, tuttavia, il panorama italiano è stato caratterizzato da una bassa spesa per l’istruzione e da risultati PISA scoraggianti se confrontati con quello degli altri Paesi che hanno partecipato al test. Infatti, nel 2013 gli stanziamenti per l’istruzione in Italia si fermavano al 4% del PIL, a fronte del 5,2% della media dei Paesi OCSE (Rapporto OCSE “Education at a Glance”) e nel 2014 si registrava il 50% in meno di studenti eccellenti rispetto alla media dell’OCSE.

 

In questo contesto, la legge 107/2015 che è stata approvata nel mese di luglio del 2015, la cosiddetta “Buona Scuola” introduce una serie di misure strutturali che modificano radicalmente il sistema scolastico italiano: (i) un nuovo processo di assunzione e formazione del corpo docenti, (ii) chiamata diretta degli insegnanti da parte del dirigente scolastico, (iii) valutazione e bonus economico legato al merito per dirigenti scolastici e insegnanti, (iv) rafforzamento dell’alternanza scuola-lavoro per le scuole secondarie di secondo grado.

In questo Commentary viene fornito il contesto precedente alla riforma e vengono toccati i punti principali della “Buona Scuola” per poterne valutare i pregi e per poterne identificare le aree di miglioramento.

In particolare, gli autori, Alessandro Ferrari e Michela Carlana, propongono: (i) il potenziamento dei criteri di merito adottati dalla riforma, (ii) l’introduzione di incentivi per i docenti che insegnano in scuole situate in contesti difficili, (iii) la creazione di cicli didattici, volti all’orientamento universitario o al riconoscimento di crediti accademici, da integrare al programma di alternanza scuola-lavoro.

 

Accedi all’articolo completo dal sito di Action Institute.

 

Inserito il:07/12/2016 18:31:51
Ultimo aggiornamento:07/12/2016 18:39:47
Condividi su
ARCHIVIO ARTICOLI
nel futuro, archivio
Torna alla home
nel futuro, web magazine di informazione e cultura
Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy *
(*obbligatorio)
Questo sito utilizza cookies.Informazioni e privacy policy

Associazione Culturale Nel Futuro – Corso Brianza 10/B – 22066 Mariano Comense CO – C.F. 90037120137

yost.technology