In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione più piacevole per i nostri clienti.
Cliccando sul link "Informazioni" qui di fianco, puoi trovare le informazioni per disattivare l' installazione dei cookies,ma in tal caso il sito potrebbe non funzionare correttamente.Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK]
Aggiornato al 21/04/2019

È molto più bello sapere qualcosa di tutto, che tutto di una cosa; questa universalità è la cosa più bella.

Blaise Pascal

Sir John Lavery (Belfast, 1856-1941) - High Treason 1916 - Oil on canvas

 

Migliaia di processi in ritardo: la soluzione!

di Davide Torrielli

 

Formiconi in attesa di giudizio: squillino le trombe!

Nunzio vobis: habemus solution!

Tanti troppi processi fermi ed il cittadino attende, invecchia etc etc.

La polvere annebbia i faldoni, così come le menti dei giudici, degli avvocati e cittadini tutti.

Sono state analizzate tante soluzioni, ipotesi.

E ragionare ripartendo dalla testa come suggerisce sempre un nostro colto ed obiettivo amico?

Molti processi sono originati da un iter democratico certamente garantista e sulla carta senza falle nell’accertamento delle responsabilità.

Ma possiamo ricordare il detto che errare è umano ma perseverare è diabolico?

Applicando questo concetto ai nostri tre gradi di giudizio, sembra che i passaggi dal 1° giudizio, all’appello, alla cassazione e come va di moda ora, alla corte europea, sia un po’ oltre il diabolico.

C’è carenza di personale, eccesso di controlli.

Compensiamo?

Un processo fatto bene dovrebbe essere inappellabile ma, ammettiamo l’errore previsto dai detti, e mettiamo pure un appello.

Finito quello finito tutto!

Rimarremmo con un po’ di giudici a spasso che riposizioniamo a smaltire on time i processi man mano che arrivano.

Giudizio 1, giudizio 2. Fine della storia.

Tempi veloci, giudici rapidi e numerosi, giustizia giusta ed avere tanti gradi di giudizio non significa necessariamente un esito più certo.

L’andazzo degli ultimi anni ha portato a considerare ormai il primo grado come un passaggio obbligato per andare avanti al secondo e poi al terzo.

Ci ricordiamo che il primo grado è un processo?

Deve essere giusto sin da quello.

Che se ne pensa?

È chiaramente un qualcosa molto difficile da realizzare in quanto per una modifica del genere occorrerebbe in Italia convocare allo stesso tavolo non so chi.

Però, nella sua follia ed utopismo, ha un suo perché: sarebbe bello avere un parere da qualche lettore ermellinato che si sforzi a mettere da parte i pregiudizi e che non abbia timore di rimanere senza lavoro.

Toc toc: ci sei?

Scarica l'articolo in PDFgenera pdf
Inserito il:25/05/2017 00:00:15
Ultimo aggiornamento:25/05/2017 00:05:12
Condividi su
Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy *
(*obbligatorio)
ARCHIVIO ARTICOLI
nel futuro, archivio
Torna alla home
nel futuro, web magazine di informazione e cultura
Questo sito utilizza cookies.Informazioni e privacy policy
yost.technology