In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione più piacevole per i nostri clienti.
Cliccando sul link "Informazioni" qui di fianco, puoi trovare le informazioni per disattivare l' installazione dei cookies,ma in tal caso il sito potrebbe non funzionare correttamente.Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK]
Aggiornato al 21/04/2019

È molto più bello sapere qualcosa di tutto, che tutto di una cosa; questa universalità è la cosa più bella.

Blaise Pascal

L. S. Lowry (Stretford, UK, 1887-1976) - A Doctor’s Waiting room (1920)

 

Medio evo prossimo venturo

di Giorgio Panattoni

 

Ieri dovevo andare dal medico di famiglia, per fortuna per problemi non gravi.

Il mio medico riceve tutti i giorni alle 9 della mattina, mercoledì, sabato e domenica esclusi, e, sapendo che c’è sempre parecchia gente in fila, sono andato presto.

Sulla porta c’era un cartello: sarò sostituito dal medico … a partire da domani con orario 14,30 - 17.00

Peccato, sono andato per niente.

Naturalmente era impossibile sapere del cambiamento di orario perché non c’è alcun meccanismo di comunicazione di queste che sono considerate cose di poco conto. Per il medico.

Torno il giorno dopo alle 14,30. Un mare di gente in attesa. Per fortuna avevo portato il mio libro, mi sono seduto in disparte e ho atteso. Lettura abbastanza interessante.

Sono riuscito a passare alle 17.35. Tre ore e cinque minuti di attesa. Ho quasi finito il libro.

Il medico mi ha detto subito di avere premura perché alle 18 doveva andare non so dove per un consulto.

Mi sono sbrigato in fretta per non far attendere il paziente del consulto, che probabilmente aveva problemi peggiori dei miei.

Sono tornato a casa sereno perché mi sembrava di aver fatto una buona azione.

Anzi due, aver utilizzato un servizio pubblico senza irritarmi troppo, anzi finalmente con un po’ di tempo per leggere, e aver rispettato le regole, che mi sono apparse quasi subito carenti.

Mi sono allora venute in mente alcune proposte per cercare di risolvere i problemi incontrati nei due giorni.

Trattandosi di un servizio pubblico finanziato dai cittadini mi è sembrato utile dare il mio contributo, anche se modesto.

A dir la verità non so bene a chi inviare queste proposte, forse c’è uno sportello del cittadino (in comune? In regione?) o un sito.

Conosco l’assessore regionale ma non mi pare utile disturbarlo per queste che credo consideri difficoltà marginali rispetto ai grandi problemi della sanità pubblica.

Per primo ho pensato a una soluzione non particolarmente innovativa, perché per esperienza so che la struttura pubblica è poco propensa a introdurre soluzioni avanzate.

Quindi:

SOLUZIONE N. 1 - mettere a disposizione dei pazienti un foglio all’ingresso dello studio medico con i giorni del mese e l’orario delle visite, programmate di 20 minuti l’una, sul quale ogni paziente si può prenotare andando di persona qualche giorno prima e segnando il suo nome. In stampatello per renderlo ben leggibile.

Mi è anche venuto in mente che qualcuno poteva non essere in grado di utilizzare questa forma di prenotazione, e allora ho introdotto la variante che a partire da una certa  ora le visite erano libere, naturalmente facendo la coda come ora.

Con questa soluzione non sono però riuscito a risolvere il problema dello spostamento di orario dovuto alla sostituzione del medico.

Allora ho pensato, rischiando, anche a una soluzione un po’ più avanzata.

SOLUZIONE N 2 - introdurre un sistema di prenotazione via computer, meccanizzando il foglio della soluzione n 1. Si tratterebbe di accedere a un sito definito, uno per ogni medico di famiglia, nel quale si potrebbe segnare il proprio nome nell’ora e nel giorno disponibile che si sceglie per la visita. In questo caso il nome si leggerebbe bene perché digitato da tastiera. Questo sistema è abbastanza facilmente praticabile perché si tratta di prenotare una unica prestazione, quindi non c’è il problema di definire quale intervento si richiede, come avviene per le prenotazioni telefoniche alle ASL, cosa che aumenterebbe la complessità della applicazione.

Rendendomi peraltro conto della difficoltà per alcuni utenti di accedere al sito via computer (o anche dallo smart phone, se non è troppo avanzato) si manterrebbe la possibilità di andare a orari determinati con procedura normale, cioè con l’attesa di oggi, che sarebbe comunque di molto ridotta viste le prenotazioni.

Mi è anche venuto in mente che con questo sistema si risolverebbe anche il problema degli spostamenti di orario e persino di giorno per la sostituzione del medico, sempre che qualcuno dalla parte del medico aggiornasse il foglio nel computer.

Si può chiedere questo?

Preso dall’entusiasmo, ma rendendomi conto che entravo in un campo davvero minato, ho persino pensato che con questo sistema, se si lascia un indirizzo e-mail personale, si potrebbe instaurare un colloquio medico-paziente per le cose di poco conto, come un consiglio per un persistente mal di testa, evitando una visita forse eccessiva.

Infine, ma ormai fuori controllo per la eccitazione, ho pensato che si potrebbe con questo sistema inviare su richiesta al paziente le ricette ripetitive, magari mettendo in copia la farmacia convenzionata.

Così si fanno arrivare i medicamenti non disponibili evitando di andare due volte in farmacia. Altro risparmio non marginale.

Naturalmente chiedo scusa per gli inevitabili errori e imprecisioni nel formulare le proposte, ma come sempre credo che se si decide di svilupparle ci sarà tempo per correggerli e perfezionarli.

E poi mi sono spaventato, pensando agli immediati ricorsi al TAR e al CONSIGLIO DI STATO per i chissà quanti principi e regole violate dal sistema proposto, che avvicina troppo il medico al paziente e viola quel rapporto feudale di dominanza tra chi eroga sapere e chi lo riceve.

Sto pensando di non mandare a nessuno queste proposte per evitare problemi e spese inutili, e perdite di tempo.

Meglio impegnarlo nella coda e lasciare le cose come stanno. Magari leggendo un libro.

 

Scarica l'articolo in PDFgenera pdf
Inserito il:09/06/2017 15:29:17
Ultimo aggiornamento:09/06/2017 15:36:33
Condividi su
Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy *
(*obbligatorio)
ARCHIVIO ARTICOLI
nel futuro, archivio
Torna alla home
nel futuro, web magazine di informazione e cultura
Questo sito utilizza cookies.Informazioni e privacy policy
yost.technology