In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione più piacevole per i nostri clienti.
Cliccando sul link "Informazioni" qui di fianco, puoi trovare le informazioni per disattivare l' installazione dei cookies,ma in tal caso il sito potrebbe non funzionare correttamente.Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK]
Aggiornato al 25/06/2019

È molto più bello sapere qualcosa di tutto, che tutto di una cosa; questa universalità è la cosa più bella.

Blaise Pascal
Hoffman-Melinda-Migration.JPEG
Melinda Hoffman (1974 – Milzano di Brescia) – Migration by boat out of Syria

2015 - 2016: A proposito di immigrazione.

 

Dal sondaggio effettuato da” La Repubblica” relativo alle parole maggiormente usate nel 2015, emerge che, durante lo scorso anno, i vocaboli più presenti nella stampa e nel parlare comune sono stati Migranti, Expo e Astrosamantha.

Chissà quante volte li abbiamo usati anche noi.

Migranti e i termini a esso collegati, come scafisti, profughi, accoglienza, barconi, gommoni, delineano una tragedia umana contemporanea di proporzioni abnormi, se si pensa che solo nell’anno trascorso sono approdati sulle coste dell’Europa mediterranea  più di centomila immigrati. Oltre la metà sbarcati sulle rive italiche, tenuto conto che esse sono le più vicine ai Paesi dai quali quei disperati s’imbarcano e quindi più facilmente raggiungibili. Lampedusa dista solo 120 chilometri dall’Africa. Coloro che sono in fuga dalla Nigeria, dall’Eritrea, dalla Somalia, dalla Libia e riescono ad arrivare sulla terraferma si ritengono fortunati - nonostante abbiano viaggiato in condizioni peggiori dei propri antenati schiavi deportati dall’Africa - perché molti dei loro compagni rimangono in fondo a quell’immenso cimitero che è diventato Mare Nostrum.

La prima causa di morte dei migranti in Europa è l’annegamento in mare.

Si ritengono fortunati perché hanno lasciato Paesi in guerra o devastati dalle malattie, ma ignorano il destino di strada che li attende.

Non è possibile fare confronti tra il flusso migratorio di fine ‘800 e primi decenni del ‘900 dall’Europa verso l’America, e i viaggi della speranza del ventunesimo secolo che hanno come mèta il nostro Paese.

Sono due fenomeni, a mio parere, del tutto diversi.

I nostri emigranti arrivavano a Ellis Island - l’isoletta davanti New York - dove venivano severamente controllati  e registrati, con una valigia, (prima ancora con il fagotto). Per coloro che non erano ritenuti idonei, c’era il reimbarco immediato sulla stessa nave che li aveva portati. L’America in quegli anni necessitava di manodopera e per questo il Congresso a stelle e strisce votò una delibera finalizzata ad agevolare l’immigrazione dall’Europa. I flussi, però, erano regolamentati stabilendo quote che cambiavano di anno in anno. In definitiva negli Stati Uniti c’erano tanto territorio e scarsa manovalanza, il contrario del nostro Paese.

E certamente gli italiani contribuirono in modo notevole alla crescita economica della nuova Patria.

Attualmente la questione migranti è molto controversa nell’Unione Europea:  Paesi che alzano muri per difendere i propri confini, altri si dichiarano disposti ad un’accoglienza limitata, altri ancora che insistono sui rimpatri. Sostanziale resta la distinzione tra rifugiato politico (status peraltro sancito dal diritto internazionale) e il generico migrante, colui che si sposta in un altro Paese per migliorare le proprie condizioni di vita. Profughi sono coloro che scappano, in seguito a calamità naturali o eventi bellici, come i siriani che abbandonano le loro case per l’arrivo dell’Islam più radicale. Il clandestino, ovviamente è un irregolare, perché, pur avendo ricevuto un provvedimento di espulsione, rimane nel Paese che l’ha allontanato.

L’impressione è di assistere a un continuo scaricabarile di un fenomeno che è in continua crescita e con il quale bisogna necessariamente fare i conti.

L’auspicio è che, nel rispetto delle regole e delle identità nazionali, si arrivi a soluzioni condivise di accoglienza e misericordia. Potrebbero essere quest’ultime due le parole più usate nel 2016?  Chissà!

Ma che non restino solo parole.

Scarica l'articolo in PDFgenera pdf
Inserito il:06/02/2016 09:57:02
Ultimo aggiornamento:22/02/2016 12:35:56
Condividi su
Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy *
(*obbligatorio)
ARCHIVIO ARTICOLI
nel futuro, archivio
Torna alla home
nel futuro, web magazine di informazione e cultura
Questo sito utilizza cookies.Informazioni e privacy policy

Associazione Culturale Nel Futuro – Corso Brianza 10/B – 22066 Mariano Comense CO – C.F. 90037120137

yost.technology