In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione più piacevole per i nostri clienti.
Cliccando sul link "Informazioni" qui di fianco, puoi trovare le informazioni per disattivare l' installazione dei cookies,ma in tal caso il sito potrebbe non funzionare correttamente.Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK]
Aggiornato al 13/11/2019

È molto più bello sapere qualcosa di tutto, che tutto di una cosa; questa universalità è la cosa più bella.

Blaise Pascal

Jacob Lawrence (Atlantic City,Usa, 1917 – Seattle, 2000) - The Photographer (1942)

 

Le voci di una penna, i volti di una foto

di Monica Soave

 

Tu, lì a fotografare le disgrazie d’un poveraccio, proprio non hai di che pensare che ai fattacci altrui? Occhi per tutti ma lingua per nessuno voi altri! Stasera forse due parole, tra chiacchiere da bar e solite lagne sul mondo e sul governo e vi sembrerà d’aver fatto la parte, e poi chi ci penserà più a quel matto là, portato via con le braghe calate.

Fai bene a non ficcar tanto il naso comunque, che da qualche tempo sulla strada la puzza copre pure l’odore dell’asfalto al sole…e me la scorderei volentieri. Te lo dico io, un uomo senza sapone è poco più che una bestia, ma diversamente dalla bestia però, da fastidio. Sbucò dall’angolo laggiù un giorno, trascinandosi con quelle stecche. Avrà poi scelto questa strada per la fatica a camminare. Da dove è venuto non lo sa nessuno, né quale diavoleria usi per passare il tempo, o per sopportarlo.

Ora se lo portano via, e stavolta è dura che lo rimettano in giro. Persino alle regole non piace avere a che fare col bestiame, ci pensi qualcun altro noi che c’entriamo! Insomma, qualche uomo d’un pezzo, di quelli lustrati a puntino, s’è voluto piazzare sul viale, ha preso un ufficio o che so io e la puzza di quel poveraccio lì in fondo non va più bene, ora che arriva al naso del tizio sbagliato.

Chi lo sa, meglio così forse…che con quel culo largo quasi scavava una fossa sulla strada, e sarebbe il caso prima di finirci dentro almeno d’esser morti. Certe volte tocca prendere una pedata ben piazzata per alzarsi e far qualcosa, le buone maniere sono anche pericolose sai, mica buone solamente! Ti fanno sentir giustificato a macerarti nel piscio e a dirti sconfitto prima del fischio, che tanto sei sotto di parecchio e per recuperare ci vorrebbe un miracolo.

Quindi, tanto meglio! Certo si direbbe che di pedate ne abbia incassate, ma sai, finché i guai non se ne vengono a noia c’è da crepare. Forse così ci si ripulirà il naso a noi, e a lui tutto il resto. E se così non fosse che almeno la foto dia a quel cristo un momento di gloria; e se ci riesci dillo per bene a quei curiosi là…che la strada è lunga, e dov’è stato lui oggi, domani ci potremmo esser noi.

 

Ispirato ad uno degli scatti di Vivian Maier

 

 

 

Inserito il:27/06/2019 10:55:07
Ultimo aggiornamento:27/06/2019 11:01:09
Condividi su
ARCHIVIO ARTICOLI
nel futuro, archivio
Torna alla home
nel futuro, web magazine di informazione e cultura
Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy *
(*obbligatorio)
Questo sito utilizza cookies.Informazioni e privacy policy

Associazione Culturale Nel Futuro – Corso Brianza 10/B – 22066 Mariano Comense CO – C.F. 90037120137

yost.technology