In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione più piacevole per i nostri clienti.
Cliccando sul link "Informazioni" qui di fianco, puoi trovare le informazioni per disattivare l' installazione dei cookies,ma in tal caso il sito potrebbe non funzionare correttamente.Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK]
Aggiornato al 24/07/2019

È molto più bello sapere qualcosa di tutto, che tutto di una cosa; questa universalità è la cosa più bella.

Blaise Pascal
Rose-W-Fred-Satirical-map-of-Europe.JPG
Fred W. Rose (1849 – 1915) – Satirical map of Europe - 1899

Europa: quale sistema?

Sicuramente una protagonista del 2015 e dell’inizio di questo 2016 è stata l’ Europa. I fatti sono noti: dalla Grecia, alla gestione (non gestione) del dramma dell’immigrazione, al terrorismo manifestatosi nel suo cuore in più parti, agli aspetti di continua litigiosità tra i suoi membri; inutile ricordarli nei dettagli.

Le variabili e incognite in gioco sono tante, le regole pure: esiste una soluzione al tutto? Ho provato a fare un’analogia con i sistemi lineari a più variabili e più equazioni in un molto modesto tentativo di modellazione.

Piccolo ripasso:

In matematica esistono tre tipi di sistemi lineari generalmente a 2 incognite ma validi anche per più incognite, basta che il numero delle incognite sia uguale a quello delle equazioni:

a)    Un sistema è possibile se le sue equazioni sono compatibili nel senso che non si contraddicono né si ripetono

b)     Un sistema è impossibile se le sue equazioni si contraddicono fra di loro

c)     Un sistema è indeterminato se le sue equazioni dicono la stessa cosa.

Nel mio ipotetico modello le incognite sono i problemi citati all’inizio e le equazioni l’attuale sistema di regole più o meno rispettate.

L’Europa che tipo di sistema è?

Proviamo a ragionarci per due minuti.

Il mondo sta cambiando velocemente anche e soprattutto al di fuori dell’Europa: i problemi sono tanti, troppi forse: questa cosa ha fatto emergere la necessità di reazioni pronte, veloci e determinate. Quindi nei vari Stati sovrani, più o meno in linea con i rispettivi modelli costituzionali, si va imponendo il modello del cancellierato: il Capo dell’esecutivo ‘ci mette la faccia’; apparentemente disponibile al dialogo e alla discussione interna, in effetti fa di tutto per imporre la sua visione del problema. Merkel, Hollande, Cameron e Renzi credo siano inquadrabilissimi in questo modello. Mi sembra che in uno dei suoi editoriali chilometrici della domenica, recentemente anche Scalfari, tradizionalmente avverso all’uomo solo al comando, ne abbia riconosciuto la necessità.

C’è un però: io credo che non ci sia nulla come l’esercizio del potere che faccia apprezzare il potere stesso a chi lo esercita (sembra un gioco di parole ma non lo è). Ecco questa è l’equazione più ostica del nostro sistema di equazioni, quella che rischia di far saltare tutto.

Infatti la soluzione di molti dei problemi citati all’inizio imporrebbe la rinuncia di consistenti parti di sovranità nazionale da parte dei vari Stati federati. Per citare solo alcuni esempi: come si può non pensare ad una polizia (esercito?) unificato per il presidio e il controllo delle frontiere esterne dell’Europa per salvaguardare la libera circolazione di merci e persone al suo interno, o ad una uniformità di legislazioni fiscali delle persone e delle aziende onde evitare isole felici tipo Olanda, Danimarca, Lussemburgo o la stessa Inghilterra? A me sembra che ogni problema grosso e strutturale a cui ci troviamo di fronte possa trovare soluzione solo attraverso uno spostamento della sua gestione da livello ‘nazionale’ a livello centrale. Insomma occorre passare da una confederazione a moneta quasi unica ad una federazione vera e propria. Lo dice la Storia.

Quanto meno avviare in modo significativo il processo di costituzione della federazione che richiederà anni per essere attuato ma il futuro è solo quello. Perché oggi l’Europa è un sistema di tipo b).

Scarica l'articolo in PDFgenera pdf
Inserito il:27/01/2016 20:09:56
Ultimo aggiornamento:14/02/2016 21:52:45
Condividi su
Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy *
(*obbligatorio)
ARCHIVIO ARTICOLI
nel futuro, archivio
Torna alla home
nel futuro, web magazine di informazione e cultura
Questo sito utilizza cookies.Informazioni e privacy policy

Associazione Culturale Nel Futuro – Corso Brianza 10/B – 22066 Mariano Comense CO – C.F. 90037120137

yost.technology