In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione più piacevole per i nostri clienti.
Cliccando sul link "Informazioni" qui di fianco, puoi trovare le informazioni per disattivare l' installazione dei cookies,ma in tal caso il sito potrebbe non funzionare correttamente.Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK]
Aggiornato al 21/04/2019

È molto più bello sapere qualcosa di tutto, che tutto di una cosa; questa universalità è la cosa più bella.

Blaise Pascal

Miki de Goodaboom (Tarbes, Pirenei francesi, 1955 - Spain) - Together old in Portugal - 2

 

Caro Matteo, …

di Davide Torrielli

 

Il servizio segreto dei residuati PD è riuscito al modico costo di 14.000 euro pagati con gli euro versati in occasione del voto per le primarie, ad intercettare una importantissima lettera diretta al nostro Ministro degli Interni, loro bersaglio preferito in questi giorni.

Pare che Martina dopo averla letta abbia esclamato raggiante che ci sono gli estremi per una incriminazione ulteriore del ministro Salvini!

Martina ha quindi dato subito un party, spese addebitate come d’uso al partito.

Tramite un cognato di Zingaretti, siamo riusciti ad averne il testo che qui riportiamo fedelmente.

Forza Italia ha incaricato Brunetta di partire per il Portogallo per indagare sul parentame ma sembra che erroneamente lo stesso si sia diretto verso est e stia transitando verso la Serbia …

Pare quindi che Silvio abbia incaricato il suo legale di cercare di corrompere il locale prefetto portoghese per arrestare con una scusa i due zii sostenendo che si tratta di spie di Maduro e lontani parenti di Mubarak: sempre lui ….

Ecco a voi il segretissimo testo:

Caro Matteo,

come sai, lo Zio Pino e la Zia Ornella ti vogliono tanto bene e seguono con ansia e trepidazione l’andamento degli eventi che contraddistinguono il tuo essere ministro della Repubblica, cosa per la quale come sai, andiamo orgogliosi anche se siamo qui a svernare in Portogallo, dove invece di inchiappettarci la pensione, ci lasciano vivere in pace i pochi anni che il nostro Signore vorrà lasciarci.

Ieri sera a tavola, mentre ci gustavamo la famosa zuppa di granchi, io e la zia ci chiedevamo francamente chi te lo fa fare a proseguire nella strada che hai intrapreso e perché invece di insistere nel voler rispettare i patti, non te ne freghi e li mandi tutti a quel paese, sempre ammesso che non li mandi qui dove si sta da Dio e non ci manca proprio nulla.

Stavamo considerando di fronte al telegiornale che sempre guardiamo con gioia, che ti deve animare proprio qualcosa di estremamente positivo se non hai ancora girato il tavolo e mandato tutti a fare in c.

Da anni i nostri connazionali si lamentano per l’invasione dei “marocchini”, per le tasse troppo alte, per la sicurezza che non c’è e per tante cose che non sappiamo se riuscirai a mettere a posto insieme a Luigi ma una cosa ci colpisce davvero: il continuo e perenne stupore nel vedere come molti politici che stanno in parlamento si stupiscano così tanto di fronte a chi con ostinazione come fai tu, insiste nel ripetere allo sfiancamento che hai un contratto da rispettare e quindi costi quello che costi, lo rispetti. Dovrebbe essere normale apprezzare uno che nonostante tutto ed indipendentemente dal contenuto dello stesso, vuole rispettare riga per riga quello che ha firmato.

La dice lunga sulla serietà di chi forse è stato abituato a fare tante promesse per non rispettarne mai una.

Altra cosa che stupisce gli imperituri ed impertinenti incollati alle poltrone, è che insisti nel non voler litigare con Luigino, in quanto sono usi a piantare la mannaia nella schiena del socio appena quello si gira e si stupiscono vieppiù quando vedono qualcuno che incredibilmente, anche se magari animato da suoi interessi, rispetta i patti e non litiga con quello con il quale si è messo d’accordo per un progetto.

Io ed Ornellina tua, ti siamo tanto vicini e speriamo che tu non perda la salute dietro ai mangiapane a tradimento e che si possa vederti presto qui da noi.

Tieni duro Matte, mangia qualcosa ogni tanto e caccia gli zingari che tutti dicono di voler accogliere e tollerare, integrare e comprendere ma sempre e solo a casa degli altri: non è vero che vivono di artigianato … te lo dice zio Pino … quelli rubano e i bimbi li fanno piangere apposta da sotto la lurida gonna con uno spillo.

Fai accoglienza ma quella vera, e non ipocrita facendo arrivare poveracci che transitano per i centri e poi ce li ritroviamo in giardino, dove desideriamo sì vedere i nanetti ma non i migranti che invece … diciamo di voler accogliere ma sempre e solo a casa del vicino.

Di’ ai francesi che la smettano di sventrare i negri rubandogli tutto e lasciandoli stesi a terra.

Fai ritirare l’ambasciatore.

Ricordati di chiamare zia ogni tanto e se non ce la fai più, una stanza qui anche per te … c’è!

Ciao caro, saluta Luigi.

Tuo, Zio Pino.“

Il testo è stato riportato integralmente per dovere di cronaca. 😊

Saluti

DT

 

Scarica l'articolo in PDFgenera pdf
Inserito il:01/02/2019 11:31:10
Ultimo aggiornamento:01/02/2019 11:38:46
Condividi su
Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy *
(*obbligatorio)
ARCHIVIO ARTICOLI
nel futuro, archivio
Torna alla home
nel futuro, web magazine di informazione e cultura
Questo sito utilizza cookies.Informazioni e privacy policy
yost.technology