In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione più piacevole per i nostri clienti.
Cliccando sul link "Informazioni" qui di fianco, puoi trovare le informazioni per disattivare l' installazione dei cookies,ma in tal caso il sito potrebbe non funzionare correttamente.Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK]
Aggiornato al 22/07/2019

È molto più bello sapere qualcosa di tutto, che tutto di una cosa; questa universalità è la cosa più bella.

Blaise Pascal

Giada Gaiotto (1987 – Ciriè (TO) – Due lupi

 

Una storia vera

di Giorgio Panattoni

 

In Ucraina un lupo si è ferito ad una zampa e si è trovato tra le rotaie del treno incapace di rialzarsi e uscire dal pericolo. Il suo compagno non lo ha abbandonato, si è disteso accanto a lui e quando un treno gli passava sopra abbassava la testa del lupo malato per non farlo morire. E per 24 ore la cosa si è ripetuta sino a quando un soccorritore li ha presi e portati in ospedale per curare la ferita.

Senza parole, c'e un filmato a documentare questa incredibile vicenda.

Il lupo ferito è filo russo, che approva l'invasione del paese e la perdita della Crimea, l'altro, l'eroe della nostra storia, è un acceso patriota che difende la indipendenza e l'integrità della nazione.

Due lupi del branco.

Hanno parlato a lungo in quelle 24 ore, sempre sul punto di morire, si sono spiegati, hanno capito le reciproche opinioni, hanno disegnato i loro scenari, hanno fatto proposte per il futuro.

Hanno concluso che se fossero riusciti a sopravvivere bisognava trovare un accordo per una vita serena, tutti insieme, e con tutti gli altri lupi.

E magari anche con treni che si fermano davanti a un lupo ferito e a un lupo che dell'amicizia ha fatto la sua ragione di vita.

Un treno che capisce e che sa reagire.

Sto cercando il nome del soccorritore che ha risolto la penosa e pericolosa situazione. Non appena l'avrò trovato lo comunicherò alla Direzione del PD, e agli altri partiti, magari un suo intervento potrebbe rimettere nei giusti binari anche le ferite aperte tra loro e nel paese.

Ma purtroppo si tratta di uomini, che vogliono dirigere il paese, e non di lupi, e di amicizia se n'è vista poca, per non dire niente.

E i treni continuano ad andare senza fermarsi, ognuno sul suo binario.

Ma occorre tentare, chissà che avvenga il miracolo dei lupi.

E allora davvero rimarremmo senza parole, attoniti e storditi, e finalmente in pace con noi stessi, e con gli uomini, non solo con i lupi.

Scarica l'articolo in PDFgenera pdf
Inserito il:28/12/2016 14:03:19
Ultimo aggiornamento:28/12/2016 14:29:18
Condividi su
Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy *
(*obbligatorio)
ARCHIVIO ARTICOLI
nel futuro, archivio
Torna alla home
nel futuro, web magazine di informazione e cultura
Questo sito utilizza cookies.Informazioni e privacy policy

Associazione Culturale Nel Futuro – Corso Brianza 10/B – 22066 Mariano Comense CO – C.F. 90037120137

yost.technology