Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni dei cookie clicca su Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK, ho capito]
Aggiornato al 08/05/2021

È molto più bello sapere qualcosa di tutto, che tutto di una cosa; questa universalità è la cosa più bella.

Blaise Pascal

Jackson Pollock (Wyoming, USA, 1912 - Springs, New York, 1956) - Abstract on paper

 

Per andare dove si deve andare

di Gianni Di Quattro

 

Lo spazio che Conte vuole ricoprire è quello di centro politicamente con il suo partito, perché è la sua personale formazione e perché probabilmente ha visto i dati che dicono che il centro sarebbe l’area sociale di maggiore sviluppo, lasciando la destra e la sinistra sempre più nelle mani di estremisti o comunque di chi è guidato da ideologie vecchie rivisitate in qualche modo.

Ma lo vogliono fare tutti, è il tentativo che la Lega sta cercando di fare neanche tanto nascostamente, è l’obiettivo di gruppi come quello di Calenda e di Renzi, è naturalmente il luogo del cavaliere. Forse anche di Letta, almeno in parte.

La sensazione è che forse si sbagliano tutti. Nel futuro la politica si dividerà in progressisti e conservatori, che prenderanno vari nomi, potranno anche dividersi tra di loro per ragioni personali, ai loro lati ci saranno alcune frange di vecchi estremisti certamente non significative anche se saranno sempre una spina nel fianco di tutte le società. Persino le religioni, come sempre, avranno influenza soprattutto in certi paesi dove il laicismo e la cultura sono rimasti un passo indietro.

Bisogna vedere se Conte non se riuscirà a conquistare il partito perché ci riuscirà avendo avuto l’investitura dall’elevato, ma come ci riuscirà. Quanto sarà autonomo? Riuscirà a trovare un modus vivendi con il giovane Casaleggio? Riuscirà ad eliminare alcuni figuri che si sono attaccati al movimento perché senza arte e né parte e che cercano di rimanere nel gioco degli incarichi, dei soldi, delle interviste televisive? Riuscirà a far diventare prima di ogni cosa il movimento un partito e a dargli una struttura? Il vecchio elettorato che lo ha fatto vincere nel 2018 capirà tutto quello che succede? Molti hanno profondissimi dubbi e io non riesco a dar loro torto.

 

Inserito il:20/04/2021 11:23:11
Ultimo aggiornamento:20/04/2021 11:26:49
Condividi su
ARCHIVIO ARTICOLI
nel futuro, archivio
Torna alla home
nel futuro, web magazine di informazione e cultura
Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy *
(*obbligatorio)
Questo sito utilizza cookies.
Cookie policy | Privacy policy

Associazione Culturale Nel Futuro – Corso Brianza 10/B – 22066 Mariano Comense CO – C.F. 90037120137

yost.technology