Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni dei cookie clicca su Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK, ho capito]
Aggiornato al 26/10/2020

È molto più bello sapere qualcosa di tutto, che tutto di una cosa; questa universalità è la cosa più bella.

Blaise Pascal

Brandon Hebb (North Carolina, Contemporary) – Washington D.C. under Moonlight

 

Style Lesson

di Davide Torrielli

 

E dopo la catastrofe inscenata tra Zio Donald e Nonno Joe, smaltita la sbornia da bianchetto, i due vecchietti sono tornati a casa a cambiare il pannolone.

Presa la pastiglia per la pressione che si erano dimenticati, mentre cercavano di mettere a posto quel poco che resta di accettabile in loro, sul ring sono saliti i rispettivi vice, decisamente meglio.

La tenzone è tornata ad essere un simil incontro di quelli che ci si aspetta negli Usa, con toni sufficientemente accettabili e assetti di confronto che hanno finalmente dato informazioni ai tele ascoltatori sulle rispettive posizioni. Da una parte un procuratore della California, donna molto decisa, che ha saputo in due precise occasioni, raggelare il Pens che a volte lasciava trasparire un po’ del veleno di Donald; dall’altra Pens che stentatamente subisce la colta determinazione del procuratore, a tratti tenta modeste quanto risibili aggressioni verbali, del tutto poco incisive.

Sugli argomenti, poco da dire, se non una stra-vittoria della signora che, non senza un notevole charme condito da frequenti gelidi sorrisi, ha saputo estrarre una condita sintesi del disastro trumpiano: era possibile farlo anche a mani basse.

Il Pens, carrozzato per tutto l’incontro da un impeccabile abito da decine di migliaia di dollari, ha però lasciato parcheggiare sulla sua testa una mosca per l’intera durata del confronto, cosa non da poco conto se si ricorda che nessuno gli ha detto nulla.

Immediata l’analogia del materiale su cui normalmente si appoggiano le mosche.

Al vice Joe nulla da eccepire sugli argomenti esposti e trattati, il look poteva essere meglio: al vice Donald, bravo, lezione imparata a memoria. Eviterà il confino sul muro in New Mexico.

Meno male che i vice hanno riportato i toni sulla Terra, peccato che siano vice.

Attendiamo con ansia il nuovo scontro tra i nonni, se vorranno farlo considerato che Joe ha qualche remora nel respirare i virus di Zio Donald. Tranquillo Joe, sono tutte balle, quello sta benissimo.

Vice curas.

Inserito il:11/10/2020 10:32:14
Ultimo aggiornamento:11/10/2020 10:35:54
Condividi su
ARCHIVIO ARTICOLI
nel futuro, archivio
Torna alla home
nel futuro, web magazine di informazione e cultura
Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy *
(*obbligatorio)
Questo sito utilizza cookies.
Cookie policy | Privacy policy

Associazione Culturale Nel Futuro – Corso Brianza 10/B – 22066 Mariano Comense CO – C.F. 90037120137

yost.technology