In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione più piacevole per i nostri clienti.
Cliccando sul link "Informazioni" qui di fianco, puoi trovare le informazioni per disattivare l' installazione dei cookies,ma in tal caso il sito potrebbe non funzionare correttamente.Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK]
Aggiornato al 21/05/2019

È molto più bello sapere qualcosa di tutto, che tutto di una cosa; questa universalità è la cosa più bella.

Blaise Pascal

Simone Martini (1284-1344) - Affresco in San Francesco d’Assisi - Dettaglio - 1322/1326

 

Referendum - Risultato

di Giorgio Panattoni

 

Il risultato è stato quello atteso, anche se di proporzioni maggiori.

Perché non si è trattato di una consultazione sulla modifica costituzionale proposta, ma un plebiscito a favore o contro il governo.

E nelle attuali condizioni del paese non vi erano dubbi che prevalessero gli scontenti.

Del resto avendo contro tutti i partiti non di governo, i sindacati, molti giovani, contro per definizione, persino l'ANPI e una parte dello stesso PD, il risultato pareva scontato.

Fanno fede tutti i commenti del dopo voto. Nessuno ha parlato di costituzione, ma tutti, senza esclusioni, della soddisfazione di aver abbattuto un governo scomodo, di aver finalmente mandato a casa Renzi, di potere ora liberamente e da una posizione di forza denunciare i torti e le malefatte del governo ed esternare le ricette virtuose di cosa fare per ridurre i danni provocati e per rimettere le cose a posto.

Una cosa però mi ha fatto impressione: la violenza verbale e di contenuto, lo scontro su tutto, la totale chiusura a qualunque considerazione di merito men che di parte. Insomma, una fotografia di tipo Trumpiano, con le solite contraddizioni di un insieme di forze che non è d'accordo su temi fondamentali, quali l'uscita dall'Europa, la rivendicazione di una sovranità nazionale vista come bene supremo, le relazioni internazionali, etc.

E questo preoccupa non poco.

Da ultimo un piccolo esempio di come si può essere soddisfatti di un risultato negativo.

La sinistra del PD può finalmente gioire, e lo ha fatto, per aver mandato a casa il proprio governo, per aver finalmente sconfitto chi voleva cambiare, per aver preso la rivincita dentro il partito.

Con la scusa della costituzione, una scusa qualunque ovviamente, quella che passava per strada.

E la cosa più curiosa è che chi oggi gioisce per una sconfitta afferma che finalmente si può ricominciare, magari, come è molto probabile, dalla prossima posizione di opposizione, così pesantemente conquistata.

E questo non solo pare bastare, ma rende contenti di aver vinto.

 

Scarica l'articolo in PDFgenera pdf
Inserito il:05/12/2016 19:42:13
Ultimo aggiornamento:05/12/2016 20:01:29
Condividi su
Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy *
(*obbligatorio)
ARCHIVIO ARTICOLI
nel futuro, archivio
Torna alla home
nel futuro, web magazine di informazione e cultura
Questo sito utilizza cookies.Informazioni e privacy policy
yost.technology