In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione più piacevole per i nostri clienti.
Cliccando sul link "Informazioni" qui di fianco, puoi trovare le informazioni per disattivare l' installazione dei cookies,ma in tal caso il sito potrebbe non funzionare correttamente.Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK]
Aggiornato al 22/01/2019

Charis Psachos (Atene, Grecia, - Contemporaneo) – Blue (The mess)

 

Mattarella, basta

di Giorgio Panattoni


La presa in giro ha un limite, te lo dicono tanti italiani che ti supportano e con te la costituzione del nostro paese.
Ma non si può accettare che un mestatore come Di Maio prima dica che vuole un referendum per far uscire l'Italia dall'euro, poi ritratti, prima proponga impeachment del Presidente della Repubblica Italiana, cioè della Tua persona , e poi ritratti, poi faccia un progetto di governo con la Lega di Salvini, e poi si proponga come presidente del Consiglio, prima appoggi Savona al ministero dell'economia e poi proponga il ridicolo spostamento del Savona stesso a un altro ministero, prima .... poi ....
Insomma, la dignità del tuo ruolo Ti impedisce di stare a questo gioco, che non dà alcuna garanzia di quello che potrebbe succedere.
Il tempo è scaduto, ora basta.
L'Italia ha bisogno di un governo, anche in Europa, perché Macron e la Merkel la stanno reinventando e noi non ci siamo.
E se ci fossimo con il governo giallo verde sarebbe ancora peggio.
Perché ci vuole una legge di bilancio, per garantire il paese da attacchi sconsiderati e da decisioni inevitabili (aumento dell'IVA).
Perché occorre essere comunque presenti sullo scacchiere interno e su quello internazionale.
È' chiaro che nel frattempo le riforme si sono fermate, che il paese attende soluzioni ai suoi problemi, che non arrivano da mesi, che la incertezza e l'assenza non possono che peggiorare le cose?
Allora basta, decidi di dare un governo a questo paese e poi andiamo pure alle elezioni.
Ma occorre mettere fine a questa infinita serie di sì, ma, forse, no, potrebbe essere, impossibile, mai.
È' Tua precisa responsabilità, per favore esercitala e usciamo da questa situazione che ti vede coinvolto in termini poco positivi, anche se tutti dichiarano fiducia nel tuo operato.
Fiducia che tu non venga preso in giro e che decida per la soluzione più positiva per l'Italia.

30 maggio 2018

 

Scarica l'articolo in PDFgenera pdf
Inserito il:31/05/2018 00:07:53
Ultimo aggiornamento:31/05/2018 00:12:10
Condividi su
Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy *
(*obbligatorio)
nel futuro, web magazine di informazione e cultura nel futuro, archivio
Questo sito utilizza cookies.Informazioni e privacy policy
yost.technology