In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione più piacevole per i nostri clienti.
Cliccando sul link "Informazioni" qui di fianco, puoi trovare le informazioni per disattivare l' installazione dei cookies,ma in tal caso il sito potrebbe non funzionare correttamente.Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK]
Aggiornato al 21/03/2019

È molto più bello sapere qualcosa di tutto, che tutto di una cosa; questa universalità è la cosa più bella.

Blaise Pascal

Licia Lucchese (Scenografa – Venezia) – Re nudo

 

Il re è nudo

di Ruggero Cerizza

 

Il popolo del Regno Unito ha avuto l’ardire di gridare in pubblica piazza che l’Unione Europea non è il nuovo paradiso in terra.

Ringrazio e rendo onore al popolo britannico, per aver dimostrato questo coraggio e di aver aperto gli occhi a tutti i popoli che dovrebbero/vorrebbero sentirsi europei.

I tecnocrati di Bruxelles che per anni si sono riempiti la bocca con un euro-fanatismo fideistico ed immotivato, se fossero stati meno lontani dal loro popolo, avrebbero compreso per tempo che oltre all’EURO,  al wellfare stordente, alla ipertrofia legislativa, al dirigismo più sfrenato attraverso il controllo di tutto e di tutti (moderno stato di polizia?), al lusso ed alla opulenza delle loro sedi, le donne e gli uomini sono anche interessati ad avere un sentimento comune, una sfida comune, un ruolo preciso nello scacchiere mondiale.

Se l’Unione Europea vuole essere una “potenza” mondiale deve prima di tutto essere un unico popolo, se ciò non è possibile oggi, cambiamo il programma.

Non è concepibile per una “potenza” mondiale che quando deve intervenire, anche militarmente fuori dai propri confini, o lo fa in ordine sparso oppure si fa proteggere dagli “amici” americani.

Se è più razionale per l’Unione Europea essere nemica o amica della Russia lo decidono i Renzi nazionali, la Commissione Europea, la BCE, Junker o il presidente Obama?

Se l’Unione Europea ha un approccio fondamentalmente “pacifista” lo dichiari pubblicamente ed in maniera determinata, e poi, però, nessuno degli Stati Membri si permetta di intervenire militarmente, fuori dei confini europei, per nessuna ragione pena l’immediata esclusione dal consesso.

Mentre invece, l’Unione Europea dovrebbe chiarire ai propri cittadini che cosa l’Unione, e non gli Stati Uniti d’America attraverso la NATO, intende fare per proteggerli da eventuali aggressioni all’interno dei confini europei.

Se l’Unione Europea vuole migliorare il benessere dei propri cittadini deve anche dire loro che ciò si può ottenere solo attraverso un incremento o della produzione o della produttività europea con costi compatibili con il mercato globale, altrimenti, cosa che è avvenuta negli ultimi venticinque anni, la potenza economica della comunità europea sul mercato globale è destinata progressivamente a ridursi.

Un altro punto fondamentale è il problema dell’immigrazione.

Credo che nessuno di noi, in cuor suo se almeno lì è intellettualmente onesto, sarebbe d’accordo se un giorno un “illuminato” qualsiasi gli dicesse che in casa sua deve ospitare delle persone senza sapere chi sono, perché sono lì, per quanto si fermeranno, chi deve preoccuparsi dei loro bisogni e chi deve pagarli, che cosa dobbiamo fargli fare, perché dobbiamo nascondere alcune suppellettili che potrebbero risultare loro sgraditi (sic!).

Quegli stessi “illuminati” che impongono questa ospitalità nelle aree periferiche e che ovviamente si guardano bene dal dare l’esempio ospitandoli in casa loro, ti costringono anche ad assistere quotidianamente alle loro pubbliche manifestazioni di cordoglio quando durante l’esodo qualcuno di questi disperati perde la vita e alle loro litanie sul fatto che la società “deve” essere multietnica, senza essere minimamente in grado di spiegarci il perché.

Sono solo capaci di farci paura, minacciando chissà quali cataclismi epocali se non accetti aprioristicamente l’Unione Europea, e quindi di mantenere i loro immotivati privilegi. Il popolo britannico stavolta non ha avuto paura e ha deciso del proprio destino, sbagliando? Forse, ma almeno lo hanno deciso loro!

Se sono vere o abbastanza vere queste brevi considerazioni, sul banco degli imputati oggi dobbiamo mettere il popolo britannico che ha votato “leave” o quella pletora di fantomatici “illuminati” che non sono stati in grado di cogliere i più che evidenti segnali di trend?

 

Scarica l'articolo in PDFgenera pdf
Inserito il:24/06/2016 16:41:33
Ultimo aggiornamento:25/06/2016 10:34:07
Condividi su
Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy *
(*obbligatorio)
ARCHIVIO ARTICOLI
nel futuro, archivio
Torna alla home
nel futuro, web magazine di informazione e cultura
Questo sito utilizza cookies.Informazioni e privacy policy
yost.technology