Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni dei cookie clicca su Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK, ho capito]
Aggiornato al 20/04/2021

È molto più bello sapere qualcosa di tutto, che tutto di una cosa; questa universalità è la cosa più bella.

Blaise Pascal

Ana Valentim (Faro, Portogallo, 1991 -   ) - Mask

 

Mentecatti!

di Tito Giraudo

 

Alleluja, è tornata la sinistra pura e dura, era da tanto che non “girotondavono”, mettevano in campo la sinistra giudiziaria e elaboravano manifesti.

Cosa li aveva fermati?

Uno: il declino del Cavaliere, soprattutto provocato dalle procure amiche. Due: il successo elettorale dei Grillini e il loro conseguente ingresso nel Governo con la Lega di Salvini.

Improvvisamente, i loro giornali e le loro riviste di riferimento, dopo l’iniziale annichilimento hanno rivolto lo sguardo altrove, per riprendere fiato solo dopo la formazione del Conte 2. Improvvisamente, il PD tornò ad essere una forza di sinistra e quindi costoro sono diventati fans di Conte, al punto che quando Giuseppi è caduto, hanno urlato all’attentato alla democrazia.

Mentecatti! Costoro hanno uno strano concetto della democrazia che secondo noi ingenui ignorantoni, consiste nel dare al popolo la possibilità di esprimere le proprie preferenze politiche; questi figuri, considerano democratico il voto agli amici e antidemocratico quello ai nemici.

Non vorrei equivocaste il mio pensiero, ritengo del tutto legittimo che nel gioco parlamentare qualsivoglia maggioranza sia in linea con la Costituzione se trova una maggioranza e quindi, il Governo Giallo Rosso su quel piano non fece una grinza, come non fa una grinza la sua caduta e il conseguente Governo Draghi. Questo per noi anime belle, ma non per lor signori, a cui Draghi fa un po’ schifo, in quanto banchiere e per di più contaminato da esperienze americane. Ora, vorrei capire nella loro ipotetica società anticapitalista, i dirigenti delle banche, soprattutto di quelle Centrali che vuole dire di Stato, non saranno più banchieri ma: bancari? E se sono bancari, Draghi non è un banchiere ma a tutti gli effetti un bancario, a maggior ragione poi se lo è stato nella Banca d’Italia o d’Europa?. Non mi risulta che Draghi, e i suoi predecessori, Einaudi e Carli fossero equiparabili a Rockfeller o più modestamente al sig. Sella, se fossero vissuti in un loro paradiso socialista con tutta probabilità avrebbero fatto lo stesso mestiere.

Allora, preso atto che l’attuale Presidente del Consiglio è un ex bancario, è chiaro che a questi signori non va giù che Mattarella non abbia permesso a Conte la manfrina di voler stare in sella anche senza i numeri. Naturalmente, costoro obbiettano che la presenza di Forza Italia, della Lega, soprattutto dell’esecrato Renzi è disdicevole, mentre non è stato disdicevole il Conte 1 dove Salvini ha maramaldeggiato.

In un precedente articolo, ho sostenuto che questa compagnia di giro, fortunatamente sempre più sparuta, è la principale responsabile della creazione dei Grillini, un Movimento che su loro dichiarazione non è né di destra, né di sinistra. A parte Travaglio, lui sì, più di destra che di sinistra, il resto della compagnia, sono tutti reduci “intellò” facenti parte della cortigianeria nata dal moralismo berlingueriano. Devo dire che fortunatamente costoro, nel tempo degli “antiberluscones” erano molto più numerosi, soprattutto potevano contare sulle corazzate giornalistiche che gli facevano da megafono, in quanto questi personaggi dalla puzza sotto il naso, mai hanno avuto un Partito di riferimento dalla caduta del muro. La Repubblica e la Stampa, appartengono agli Agnelli, il Corriere, a un ex sodale del Berlusca. Pare che questo nuovo proclama porterà la firma di qualche magistrato in pensione, dei giornalisti del “Fatto”, del Debenedettiano “Domani” e di “Micromega”, a cui si aggiungeranno i soliti attori e cantanti, così magari si monderanno delle evasioni fiscali.

Quello che prevedo, sarà la cassa di risonanza che forniranno loro i salotti televisivi. L’ineffabile Gruber è un esempio, sono anni ormai che gli ospiti fissi sono quelli del “Fatto”, i quali imperversano, anche se con minore frequenza negli altri format politici della 7, cosa del tutto legittima per un’emittente “capitalista” che vive di proventi pubblicitari e che individuando un target “de sinistra” e “Grillista”. Vendono un prodotto, cosa d’altronde che fa pure Mediaset con rete 4 e che, alla faccia della crisi di FI, blandisce “leghisti e fratellisti”.

Mercato quindi, quello sporco mercato che, vedrete, leggeremo esecrato nei loro proclami, mentre pontificano e moraleggiano tra un pannolino e un prosciutto. Mentecatti!

Mentecatti! Ancora perché dopo essersi ingozzati dai principi democratici, mi devono spiegare perché:

- Una componente di un Partito non possa sfilarsi da un qualsivoglia Governo senza essere tacciata di essere antidemocratica, o peggio reazionaria?

- Se un Governo non ha più i numeri le alternative siano solo due: elezioni anticipate o, nel nostro caso, un governo del Presidente causa pandemia?

Quale sarebbe la loro alternativa, dal momento che democraticamente non si può andare a votare se si è certi che vincono gli altri?

Mentecatti!

 

Inserito il:28/03/2021 16:18:30
Ultimo aggiornamento:28/03/2021 16:27:08
Condividi su
ARCHIVIO ARTICOLI
nel futuro, archivio
Torna alla home
nel futuro, web magazine di informazione e cultura
Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy *
(*obbligatorio)
Questo sito utilizza cookies.
Cookie policy | Privacy policy

Associazione Culturale Nel Futuro – Corso Brianza 10/B – 22066 Mariano Comense CO – C.F. 90037120137

yost.technology