Aggiornato al 19/05/2022

Non sono d’accordo con quello che dici, ma difenderò fino alla morte il tuo diritto a dirlo

Voltaire

Dasha Marchenko (from Kiev) - Putin portrait - Oil and acrylic as well as bullets shells (2015)

 

Le sanzioni a Putin sono impantanate in barili di petrolio

di Achille De Tommaso

 

Con le sanzioni che bloccano le importazioni di greggio venezuelano, gli Stati Uniti avevano iniziato a fare molto affidamento sulla fornitura dalla Russia. Anche se gli Stati Uniti sono diventati un (piccolo) esportatore netto di petrolio, fanno ancora affidamento sui flussi esteri. E circa uno su 12 di quei barili importati proviene dalla Russia. Quella che sarebbe più danneggiata, però, è l’Europa.

***

Circa la metà delle entrate totali della Russia proviene dalle vendite di petrolio e gas, la parte del leone dall'Europa occidentale. Tagliare quel reddito all'economia russa eserciterebbe un'enorme pressione sul presidente Vladimir Putin.

Allora perché gli Stati Uniti e l'Europa non l'hanno fatto?

Tanto per cominciare, ciò causerebbe ancora più difficoltà al popolo russo. E il dolore inflitto ai cittadini potrebbe avere la conseguenza non intenzionale di radunarli dietro il loro leader.

Ma la ragione più ampia è che le nazioni occidentali, stanno cercando di trovare un attento equilibrio tra la punizione di Putin ed evitare gravi contraccolpi economici e politici a casa.

La Russia è tra i primi tre produttori mondiali di petrolio e gas naturale e, sebbene le sue esportazioni rappresentino un apparentemente piccolo 5% del mercato globale, una completa rimozione di tale fornitura potrebbe portare a un raddoppio dei prezzi dell'energia (affermazione di Joseph Gagnon, senior borsista presso il Peterson Institute for International Economics di Washington).

Gli USA

Il boom del fracking (*) ha reso l'America il più grande produttore mondiale di petrolio alcuni anni fa, ma oggi gli Stati Uniti importano ancora milioni di barili ogni giorno da molte parti del mondo, inclusa la Russia.

Ci si potrebbe domandare perché, se gli Stati Uniti esportano milioni di barili al giorno dalla costa del Golfo, perché importano petrolio dalla Russia? Ebbene, il “Jones Act”, approvato un secolo fa, ha limitato le dimensioni delle navi autorizzate a trasportare merci tra i porti degli Stati Uniti. Ciò ha lasciato gli acquirenti di petrolio della costa occidentale e della costa orientale effettivamente incapaci di far spedire e ricevere, in maniera efficiente, rifornimenti dalla costa del Golfo.

Gli Stati Uniti consumano molto più petrolio di quello che estraggono, richiedendo loro di importare alcune forniture. Ma è comunque meno dipendente dal petrolio russo rispetto all'Europa e prende solo una piccola parte del suo greggio importato dalla Russia.

Quota delle importazioni mensili statunitensi di petrolio greggio e

prodotti petroliferi, gennaio-dicembre 2021

 

Però la quota della Russia sulle importazioni di petrolio degli Stati Uniti è cresciuta dalla fine degli anni '90 ed è aumentata negli ultimi anni (Fonte: Energy Information Administration). Il grande aumento di queste importazioni è il risultato di un altro battibecco internazionale, quello con il Venezuela. Le importazioni di petrolio dal Venezuela, in diminuzione per anni con il collasso del settore petrolifero di quel paese , sono state azzerate del tutto nel 2019 quando gli Stati Uniti hanno imposto sanzioni intese a esercitare pressioni sul presidente Nicolas Maduro affinché si dimettesse.

Pertanto, in teoria, se gli Stati Uniti dovessero imporre sanzioni alle importazioni di petrolio russe - o se Mosca le fermasse unilateralmente, l'improvvisa interruzione di circa 700.000 barili al giorno creerebbe qualche problema agli USA.  Naturalmente, ci si potrebbe aspettare che l'Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti possano fornire agli USA i barili necessari. Ma, con le piuttosto fredde relazioni tra Riyadh e Washington, e la Russia membro chiave dell'OPEC+, questo non può essere dato per scontato.

Fine modulo

Il risultato è che il presidente Joe Biden, come i suoi alleati europei, ha motivo di procedere con cautela nel prendere di mira l'unico settore a cui la Russia tiene davvero: l'energia. A dicembre, il 3,8% del reddito personale disponibile degli americani era destinato al carburante e alle bollette. Non è così tanto come durante le crisi energetiche del 2008 o della fine degli anni '70. Ma è tornato al punto in cui era durante le elezioni di medio termine del 2018 e la tendenza è in peggioramento. C'è un motivo per cui Biden ha avvertito in un recente discorso che "difendere la democrazia e la libertà non è mai a costo zero”.

L'interruzione dei mercati energetici globali e il conseguente aumento dei prezzi del petrolio e del gas si aggiungerebbero probabilmente all'inflazione che è già ai massimi da 40 anni. E gli sforzi del governo per combattere la nuova ondata di inflazione rischierebbero di innescare una recessione alla vigilia delle elezioni di medio termine negli Stati Uniti.

Il rischio di crisi energetica per gli americani è ancora basso, ma la tendenza è comunque in peggioramento.

Potrebbe non essere quindi una coincidenza che gli sforzi degli USA per raggiungere una sorta di accordo con l'Iran abbiano preso velocità; poiché ciò comporterebbe la revoca delle sanzioni statunitensi e la re-immissione sul mercato, da quel paese, di forse un milione di barili al giorno quest'anno. Degno di nota è anche il recente appello del capo dell'Assemblea nazionale venezuelana Juan Guaidó affinché gli Stati Uniti allentino le sanzioni contro il suo paese per aiutare a portare Maduro al tavolo dei negoziati. E far fluire di nuovo il petrolio venezuelano verso gli USA.

E l’Europa?

Le sanzioni contro l'energia russa danneggerebbero maggiormente l'Europa

I dati di Vortexa (un’azienda specializzata nell’analisi strategica di dati sul settore energetico) sui flussi mostrano che l'Europa non ha ridotto la propria dipendenza dal greggio russo negli ultimi anni. I dati evidenziano che circa il 34% delle importazioni di greggio europee via mare sono state di origine russa dal 2018 al 2021. Le raffinerie più a rischio in caso di riduzione sono quelle di Italia, Paesi Bassi, Spagna e Francia.

In questo contesto, è chiaro che l'Europa faticherebbe molto di più a sostituire il volume e il tipo di greggio perso dalle forniture russe, di quanto farebbe la Russia a trovare acquirenti alternativi o a ridurre le sue esportazioni.

In uno scenario estremo, l'Europa dovrebbe trovare una soluzione alternativa per circa 2,4 mbd (milioni di barili al giorno), (che è stato il livello medio del 2021) di greggio russo. E questo sembra un compito impossibile, dato l'attuale contesto di scorte di greggio globalmente basse e la fiducia in calo nella capacità dei produttori OPEC del Medio Oriente di continuare ad aumentare la produzione.

Questa mancanza di greggio russo per l'Europa sarebbe poi aggravata dalla carenza di diesel russo. L'Europa è di gran lunga il più grande importatore di diesel russo. Nel 2021 il continente ha ricevuto oltre l'85% delle esportazioni marittime totali della Russia. In assenza di questa fornitura, l'Europa dovrebbe colmare una lacuna di circa 780 mila barili di diesel al giorno. Numero che è al di sopra dei flussi combinati di diesel che potrebbero essere forniti dal Nord America, dal Medio Oriente e dall'Asia: che sono gli unici altri fornitori regionali su cui l'Europa potrebbe appoggiarsi come alternativa alla Russia.

Sanzioni energetiche o conflitto militare?

Considerando quanto sarebbero enormi i danni per l'Europa, e come sarebbero zoppe le sanzioni sui flussi di energia, che bloccherebbero anche le esportazioni russe verso di noi, è molto auspicabile che le attuali tensioni vengano risolte diplomaticamente.

Nel frattempo entrambe le parti stanno negoziando, duramente, per assicurarsi una posizione più forte di quella in cui si trovano ora. Per quanto riguarda il settore energetico, la Russia potrebbe voler raggiungere, tra gli altri, due obiettivi.

  1. L'atteso avvio del Nord Stream 2, convogliando i flussi di gas attraverso l'Ucraina (e altri paesi di transito come la Bielorussia)
  2. Spingere le controparti europee a contratti gas a lungo termine con prezzi fissi, in contrapposizione ai contratti flessibili a breve termine, che attualmente riducono la sicurezza degli investimenti da parte russa.

In definitiva, l'Europa semplicemente non può farcela senza gas e petrolio russi per più di forse (secondo Vortexa) un paio di mesi.

D'altra parte, la Russia, anche se ha diversificato con successo i suoi sbocchi di greggio e gas, fa ancora affidamento per la stragrande maggioranza dei suoi proventi dalle esportazioni verso i suoi partner europei. Più a lungo persiste la situazione attuale, più danneggia la capacità della Russia di beneficiare della sua ricchezza di risorse naturali a lungo termine.

(*) Il fracking

La fratturazione idraulica, o “fracking” come è meglio noto, è un metodo per estrarre petrolio e gas intrappolati nello scisto e in altre formazioni rocciose. La versione moderna prevede il pompaggio di grandi quantità di acqua in un pozzo, ad alta pressione, insieme a sabbia e sostanze chimiche. Insieme, questo "fluido di stimolazione" frattura la roccia e rilascia il gas o il petrolio, che scorre in superficie. Il foro praticato per un pozzo ha le dimensioni di un tombino. Secondo alcuni Il fracking è stato una minaccia per la Russia addirittura più grande della guerra nucleare.( https://www.outsiderclub.com/what-s-really-pissing-off-the-russians/82588?utm_optipub=email-article&identifier=c5bfbeb7ca89c083bd20c35dd96be629&utm_referrer=64)

RIFERIMENTI

https://www.vortexa.com/insight/reality-check-on-russian-oil-and-gas-sanctions

https://www.latimes.com/politics/story/2022-03-01/why-western-sanctions-arent-hitting-russias-weakest-spot-oil-and-gas

https://www.wsj.com/articles/russia-scrambles-to-maintain-oil-sales-life-blood-of-economy-11646156655?mod=article_inline

https://www.wsj.com/articles/why-does-the-u-s-still-buy-russian-oil-11646151935

https://www.bloomberg.com/opinion/articles/2022-02-22/biden-s-ukraine-response-is-mired-in-barrels-of-russian-oil?sref=EP6bV7CS

 

Inserito il:08/03/2022 23:04:18
Ultimo aggiornamento:08/03/2022 23:17:29
Condividi su
ARCHIVIO ARTICOLI
nel futuro, archivio
Torna alla home
nel futuro, web magazine di informazione e cultura
Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy *
(*obbligatorio)


Questo sito non ti chiede di esprimere il consenso dei cookie perché usiamo solo cookie tecnici e servizi di Google a scopo statistico

Cookie policy | Privacy policy

Associazione Culturale Nel Futuro – Corso Brianza 10/B – 22066 Mariano Comense CO – C.F. 90037120137

yost.technology | 04451716445