In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione più piacevole per i nostri clienti.
Cliccando sul link "Informazioni" qui di fianco, puoi trovare le informazioni per disattivare l' installazione dei cookies,ma in tal caso il sito potrebbe non funzionare correttamente.Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK]
Aggiornato al 29/05/2020

È molto più bello sapere qualcosa di tutto, che tutto di una cosa; questa universalità è la cosa più bella.

Blaise Pascal

Russia - Scuola di Mosca, 1898/1907 - S. Michele Arcangelo - Basma in argento dorato con smalti e pietre preziose

 

L’Icona e l’iconografo

di Giovanni Boschetti

 

Narrazione’’ è il termine appropriato, usato nelliconografia, per descrivere la rappresentazione di una Icona. Luso di questo termine distingue la realizzazione di unIcona da qualunque altra costruzione o creazione artistica ed è quello che principalmente prova liconografo.

Il termine narrazione” significa che lIcona non rappresenta avvenimenti storici che possono essersi svolti in un determinato periodo e in un certo luogo, nemmeno è una raffigurazione pittorica con intenti figurativi ed artistici, ma l’Icona rappresenta avvenimenti al di sopra del tempo e al di fuori del mondo terreno, avvenimenti trascendentali.

Così liconografo tenta di raffigurare, con sobri ma eloquenti simboli, il soprannaturale, la Fede, il miracolo, la santità, la purificazione, la glorificazione, il Regno dei cieli; tenta di dare volto all’Invisibile, migliorare il rapporto dei fedeli con il soprannaturale, insieme ad altri argomenti di Fede e spiritualità.

Lunico strumento che ha liconografo a disposizione per avvicinarsi a comprendere il significato di tutti questi argomenti, per poi rappresentarli attraverso l’Icona, è il vivere la vita della Chiesa al suo interno in modo continuo ed abituale. Labituale studio del Vangelo, della vita degli Apostoli, dei padri, dei martiri della Fede, dei Santi, sono gli strumenti segreti delliconografo, strumenti che gli offrono le necessarie ali per volare verso la raffigurazione iconografica.

La preghiera al Santo – il quale liconografo tenta di narrare nella rappresentazione di unIcona – aiuta a stabilire una speciale comunicazione con lui. Sarà proprio la preghiera, alla fine, che porterà liconografo a superare quello che è forse il più grande ostacolo dellarte iconografica, ossia dare espressione ai santi volti, che si cerca di raffigurare. Quello che rende Santa” l’Icona non sono i santi volti raffigurati, Dio, la Theotocos ed i Santi stessi. Quello che rende Santa e miracolosa una Icona è la Fede delle persone che pregano davanti ad essa.

LIcona, si potrebbe dire usando un altro termine, è un catalizzatore che avvicina le persone a Dio, fortifica la loro Fede e migliora il loro rapporto con il soprannaturale. Questo è il delicato servizio svolto dalliconografo tramite una Icona: attraverso la vista, aiuta il credente a prendere visione di ciò che sarebbe Invisibile alluomo e si fa guida alla comunicazione delluomo con Dio. Per questo è necessario unenorme amore, ma anche delicatezza e Fede.

Gli iconografi raffiguravano Cristo e con quella narrazione” testimoniavano Dio che si è fatto uomo per la salvezza del genere umano; inoltre rappresentando Cristo, rappresentavano tutta la Chiesa.

Il fedele non dovrebbe mai confondere il ruolo di rappresentazione e narrazione che svolge licona che avvicina il fedele alla luce Divina con un culto che diventa adorazione. Non adoro la materia, – diceva Giovanni Damasceno parlando delle icone – ma quello che raffigura”.

 

 
   

In passato esisteva la convinzione popolare che la personale santità delliconografo sarebbe stata il certificato per un futuro di miracoli dell’Icona. Allinterno degli stessi contesti si muoveva anche la convinzione che la purezza del materiale dovesse giocare un ruolo determinante per la santità dellIcona stessa. La purezza dei materiali usati ha, esclusivamente, il significato di uneletta e distinta offerta verso il Signore, ma rimane solo questo.

Licona deve essere considerata dal punto di vista delliconografia: in altre parole quale rappresentazione di un mondo senza alcuna attinenza con il nostro mondo terreno, o meglio, la rappresentazione della trasfigurazione del mondo in rapporto con Dio. Anche il nostro accostarci ad essa, sarà regolato non da schemi di educazione sociale o da varie correnti del momento e teorie sullestetica, ma dalla peculiarità spirituale della religiosità che rappresenta per il fedele.

Solo allora, possiamo capire linsistenza dei genuini iconografi per la scelta dei materiali e dei colori da usare per la realizzazione delle Icone. Solo allora ha senso anche la preghiera individuale delliconografo, il suo digiunare, la sua regolare partecipazione al mistero della comunione, della confessione e in generale il suo sforzo spirituale durante il tempo necessario per la narrazione dellIcona. Perché liconografia è soprattutto un lavoro damore. Solo attraverso questo criterio dattenzione, di penitenza, di preghiera, di digiuno e sforzo spirituale, liconografo prenderà vagamente coscienza delle fatiche e degli sforzi spirituali dei Santi raffigurati rimanendo spiritualmente in contatto con loro. Coscienza che lo aiuterà a realizzare lespressione – rivelazione – finale, dei volti santi dellIcona, nella sua fase conclusiva; rivelazione che si concretizzerà, in primo luogo, nellanima delliconografo, con unulteriore finalità: la liberazione dei simboli, la rivelazione e visione del Regno dei cieli. Solo allora lIcona, come rappresentazione del Sacro, potrà assolvere il suo compito di catalizzatore, aiutando il fedele in preghiera a comunicare con il Divino ed a migliorare il suo rapporto con il soprannaturale.

 

Inserito il:02/01/2020 15:34:51
Ultimo aggiornamento:02/01/2020 15:45:16
Condividi su
ARCHIVIO ARTICOLI
nel futuro, archivio
Torna alla home
nel futuro, web magazine di informazione e cultura
Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy *
(*obbligatorio)
Questo sito utilizza cookies.Informazioni e privacy policy

Associazione Culturale Nel Futuro – Corso Brianza 10/B – 22066 Mariano Comense CO – C.F. 90037120137

yost.technology