Aggiornato al 12/07/2024

Non sono d’accordo con quello che dici, ma difenderò fino alla morte il tuo diritto a dirlo

Voltaire

Immagine realizzata con strumenti di Intelligenza Artificiale

Clicca qui per ascoltare

 

W la vita

di Giorgio Domenico Cortese

 

 

“L’amore mi si offrì e io mi ritrassi dal suo inganno. Il dolore bussò alla mia porta e io ebbi paura. L’ambizione mi chiamò, ma io temetti gli imprevisti. Eppure avevo fame di un significato della vita. Dare un senso alla vita può condurre a follia, ma una vita senza senso è la tortura dell’inquietudine e del suo vano desiderio. È una barca che anela al mare, eppure lo teme”.

 

L’altra domenica procedevo lentamente lungo i vialetti del cimitero, fissavo quei ritratti, leggevo le epigrafi, alcune monotone nella loro retorica, altre di struggente dolore e pensavo alla poesia sopra citata di Edgar Lee Masters e della sua popolare Antologia di Spoon River, pubblicata nel 1915.

 

Poeta statunitense, nato nella provincia agricola del Kansas, nel 1869 e morto in Pennsylvania nel 1950, nella poesia parla delle lapidi di un cimitero del Midwest, che compongono una sorta di microstoria delle persone più diverse che “dormono sulla collina”, svegliate dal poeta, che dona loro voce, svelando segreti inconfessabili, smascherando ipocrisie, ma anche illuminando figure semplici ed esemplari.

 

Penso di non poter aggiungere altro a questi bellissimi versi che mi fanno riflettere e portano a comprendere la lezione fondamentale dell’esistenza.

Se viviamo una vita senza senso, senza meta, senza coscienza, alla fine dei giorni tutto si dissolve nel nulla.

 

Certo, cercare il senso della vita è una impresa ardua e rischiosa perché si può facilmente sbandare in vacue illusioni e nell’eccesso.

Ma se non ci pensiamo rischiamo di cadere nel vuoto di una desolante vana esistenza.

 

Purtroppo la vita è un insegnante severo che a volte ci impartisce le lezioni anche quando non servono più. Ma è anche vero che la vita offre sempre una seconda possibilità che si chiama domani.

 

Siamo su questa terra per una breve visita, non facciamo le cose in fretta, non preoccupiamoci, siamo sempre grati a Dio di ogni attimo che ci concede e del dono della vita.

 

Non temiamo il mare della vita, ma andiamogli fiduciosi incontro ogni giorno con le vele spiegate.

 

Inserito il:19/05/2024 12:23:43
Ultimo aggiornamento:19/05/2024 19:20:41
Condividi su
ARCHIVIO ARTICOLI
nel futuro, archivio
Torna alla home
nel futuro, web magazine di informazione e cultura
Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy *
(*obbligatorio)


Questo sito non ti chiede di esprimere il consenso dei cookie perché usiamo solo cookie tecnici e servizi di Google a scopo statistico

Cookie policy | Privacy policy

Associazione Culturale Nel Futuro – Corso Brianza 10/B – 22066 Mariano Comense CO – C.F. 90037120137

yost.technology | 04451716445