Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni dei cookie clicca su Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK, ho capito]
Aggiornato al 26/10/2020

È molto più bello sapere qualcosa di tutto, che tutto di una cosa; questa universalità è la cosa più bella.

Blaise Pascal

Filippo De Pisis (Ferrara, 1896 – Milano, 1956) - Fave

 

Noi Mediterranei e le Fave

di Antonio Bigazzi

 

Le popolazioni nord-africane e sud-europee hanno convissuto per millenni con uno dei più grandi assassini mai esistiti: il plasmodio, ovvero l’organismo unicellulare che, veicolato dalle zanzare di tipo Anofele, provoca la malaria.

Questa convivenza forzosa ha fatto sì che si mantenessero in queste popolazioni delle mutazioni usualmente sfavorevoli, ma che se come effetto collaterale capitano di intralciare il parassita alla fin fine sono benedizioni. Come sempre, è il più adatto al proprio ambiente che sopravvive.

La mutazione più nota è l’anemia falciforme (sickle cell disease) che protegge le popolazioni dell’Africa nera dalla malaria, a patto che si sia eterozigoti, ovvero se la si eredita da uno solo dei genitori (è nel cromosoma X). Storicamente, purtroppo, questa resistenza condannò queste genti ad essere le prescelte per la schiavitù nel Nuovo Mondo, dove la malaria (per non parlare del vaiolo) era stata portata da Colombo e quelli dopo. Piantagioni di caffè, canna da zucchero e tabacco vennero così lavorate da circa 20 milioni di schiavi particolarmente immuni alla malaria galoppante nei tropici. Altri 10 milioni morirono in transito. Bravini gli europei.

Ma ritorniamo ai nostri mediterranei. Vi è presente una mutazione con un nome che è uno scioglilingua: Glugose-6-Phospate Dehydrogenase Deficiency (G6PDD), detta anche favismo, il perché lo vedremo presto.

I portatori di questa mutazione hanno un enzima sballato. Uno di quelli che protegge il sangue dagli ossidanti - avrete tutti sentito delle virtù antiossidanti dei mirtilli, spinaci, ecc.

Questa mutazione fornisce un’immunità parziale dalla malaria ed è normalmente asintomatica. Sfortunatamente, può svegliarsi all’improvviso e dare la febbre di Baghdad, ovvero febbre con nausea e letargia, e forte anemia. La febbre pare si chiami così perché la mutazione è particolarmente diffusa in Iraq.

È cos’è che può risvegliarla? Le fave!!

Già dal sesto secolo BCE, Pitagora le sconsigliava. E nella cucina mediterranea le fave, ben cotte, si cucinano sempre con ingredienti come rosmarino, basilico, aglio, cipolla ed anche chiodi di garofano, cannella, noce moscata. Ingredienti che attutiscono i fattori scatenanti che si trovano nella Vicia faba.

Ma tu guarda!

 

Inserito il:11/10/2020 10:21:14
Ultimo aggiornamento:12/10/2020 18:19:30
Condividi su
ARCHIVIO ARTICOLI
nel futuro, archivio
Torna alla home
nel futuro, web magazine di informazione e cultura
Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy *
(*obbligatorio)
Questo sito utilizza cookies.
Cookie policy | Privacy policy

Associazione Culturale Nel Futuro – Corso Brianza 10/B – 22066 Mariano Comense CO – C.F. 90037120137

yost.technology