Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni dei cookie clicca su
Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy.

[OK, ho capito]
Aggiornato al 17/01/2022

È molto più bello sapere qualcosa di tutto, che tutto di una cosa; questa universalità è la cosa più bella.

Blaise Pascal

Nona Lohr website - Artist unknown - Nativity

 

Blog di Natale

di Annalisa Rabagliati

 

È una metamorfosi ben strana quella che è avvenuta della figura di san Nicola, personaggio realmente esistito, vescovo di Myra, in Anatolia. Era un sant’uomo che proteggeva le giovani e per questo divenne la figura solstiziale che portava regali ai bimbi buoni e rimproverava i cattivi. Nel corso dei secoli la sua leggenda viaggiò per tutto il mondo cristiano, dalla Puglia all’arco alpino, dai Paesi del nord Europa all’Olanda e di qui all’America del nord. Talvolta era accompagnato da angeli buoni e da diavoli cui spettava il compito di punire i bambini cattivi con la sferza. E, in un’epoca per nulla politicamente corretta, nei Paesi colonialisti arrivava con un aiutante nero, chiamato Père Fouettard. Attenti all’uomo nero, dunque, bimbi!

L’iconografia di colui che verrà chiamato Babbo Natale cambiò nel tempo, trasformando un buon vescovo dapprima in un capo degli Elfi, poi in un pacioccone rubicondo vestito con un abito sgargiante, perfetto per la pubblicità di una nota bibita a base di caramello.

La globalizzazione ha portato questa figura a sostituire a livello mondiale il legittimo proprietario del marchio del Natale. Chi ricorda più che un tempo da noi, come in molte parti d’Europa, i regali li portava Gesù Bambino? E che cosa c’entrano molte rappresentazioni, film e canzoni natalizie con lo spirito religioso del Natale? Forse l’unica nota positiva è che promuovono la voglia di essere buoni, anche se appena per un giorno, ricordando i Natali innevati di quando eravamo bambini. Ma il significato stesso della parola Natale indica chi dovrebbe essere il vero protagonista della festa.

Gesù nacque in una notte buia e fredda, bambino poverissimo, figlio di genitori poveri e stranieri in quella regione, che non vennero aiutati dalla maggior parte della gente, come spesso accade ancora adesso. La sua grandezza fu compresa solo dai più umili, dai reietti della società, e dai più saggi, quei sapienti che cercavano la verità. Venne tra di noi in un mondo forse perfino più crudele del nostro e da allora a noi tutti, credenti e non credenti, porta la rinascita, come il sole che torna a crescere sull’orizzonte, dopo il solstizio.                       

Per questo i giorni del Natale sono attesi con trepidazione sia dai piccoli ingenui sia dagli adulti scettici, per il suo messaggio sempre attuale di pace, di gioia e di speranza. Niente a che vedere con una favola consumistica che pure è frutto di tradizioni antiche.

 

Inserito il:21/12/2021 20:05:51
Ultimo aggiornamento:21/12/2021 20:13:59
Condividi su
ARCHIVIO ARTICOLI
nel futuro, archivio
Torna alla home
nel futuro, web magazine di informazione e cultura
Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy *
(*obbligatorio)

Questo sito utilizza cookies.

Cookie policy | Privacy policy

Associazione Culturale Nel Futuro – Corso Brianza 10/B – 22066 Mariano Comense CO – C.F. 90037120137

yost.technology