In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione più piacevole per i nostri clienti.
Cliccando sul link "Informazioni" qui di fianco, puoi trovare le informazioni per disattivare l' installazione dei cookies,ma in tal caso il sito potrebbe non funzionare correttamente.Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK]
Aggiornato al 25/02/2018

Paul Cézanne (Aix-en-Provence, 1839 – 1906) - I giocatori di carte

 

Panem et circenses

di Iman Zahra Favretto

 

 

“Parliamo di rivoluzione davvero?”

“Non ti preoccupare è un segreto”.

“Siamo come fantasmi qui”.

“Shhh ... Abbassa la voce è un complotto”.

“Contro chi stiamo andando?”

“La struttura della società è ovvio”.

“No!! Contro il governo, che dici!!!”.

“Stiamo combattendo per degli ideali”.

“Ma quali ideali! Siamo contro l'ingiustizia”.

“Io lotto per la parità dei sessi”.

“E io per la libertà di parola”.

“No non farlo te ne prego ... altrimenti la religione non esisterà più”.

“Le religioni creano disordine sociale”.

“Credi davvero di riuscire a sopprimerle?”

“Avete tutti torto, lottiamo per l'instaurazione di un governo dittatoriale”.

“Ha ragione!! Ha ragione!! Non se ne può più di questi politici”.

“ … Hey, sono un politico anche io ci avete votato voi ...”

“Io ho votato per un futuro migliore”.

“Io perché mi avete pagato profumatamente”.

“Io perché non avevo una grande scelta”.

“Fate silenzio ho sentito urlare!”

“Chi? Dove? Tu hai sentito?”

“Sì era una donna sicuramente, dietro il muro credo”.

“Non sono affari nostri staranno litigando e comunque che ne sappiamo”.

“Magari ha sbagliato lei. O magari ha sbagliato lui”.

“Io me ne vado non posso ascoltare queste sciocchezze”.

“Io anche, qui di pensiero politico ce n’è poco e niente”.

“Ma nessuno ha una qualche visione?!”

“E già tre se ne sono andati”.

“Quasi dimenticavo, devo fare ancora la spesa”.

“Ma, scusa, falla domani o più tardi”.

“Non posso fra poco chiudono e domani è festa”.

“Sentite qua non si combina niente, me ne vado”.

“Io devo andare in ufficio scusatemi”.

“Mia zia è in ospedale ...devo andare!!!”

“Devo portare fuori il cane, ci vediamo dopo”.

Di cosa stavamo parlando?

Di una rivoluzione credo.

Allora è così che muore una rivoluzione ...!

 

Scarica l'articolo in PDFgenera pdf
Inserito il:13/02/2018 17:33:58
Ultimo aggiornamento:13/02/2018 17:41:41
Condividi su
Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy *
(*obbligatorio)
nel futuro, web magazine di informazione e cultura nel futuro, archivio
Questo sito utilizza cookies.Informazioni e privacy policy
yost.technology