Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni dei cookie clicca su Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK, ho capito]
Aggiornato al 26/10/2020

È molto più bello sapere qualcosa di tutto, che tutto di una cosa; questa universalità è la cosa più bella.

Blaise Pascal

Leonid Afremov (Vicebsk, Bielorussia, 1955 - Playa del Carmen, Messico, 2019) - Evaneshing Sight

 

Vivere l’ultimo miglio

di Gianni Di Quattro

 

Ad un certo punto quando il percorso fatto nella vita diventa abbastanza lungo e quando si comincia a vedere la luce della fine del tunnel, il tunnel del proprio destino, i pensieri affollano la mente. Si ripensa alla vita passata, si affacciano le nostalgie ed i rimpianti, nasce in modo inconsapevole la paura del futuro. Un futuro non più visto come opportunità, come sfida, ma come un pericolo, come la fine di un sogno e lo si comincia a guardare, a pensare con tristezza.

Ci sono in questi casi due cose importanti che aiutano a vivere, a dare ancora allegria, a farci capire che ogni giorno è una bella conquista e sono gli affetti e i ricordi.

I ricordi riempiono i vuoti scavati nella nostra vita, quando il lavoro finisce, molti compagni di vita sono spariti, gli scenari che hanno accompagnato il nostro percorso si sono volatilizzati, non ci sono più i protagonisti che ci hanno tenuto compagnia, che siamo stati abituati a vedere, ad ascoltare, a seguire per tanto tempo.

Ed allora ci impegniamo a ricordare, a rivivere, momenti, situazioni, emozioni e sentimenti. Ricordare certe scelte, successi, condivisioni, più banalmente la bellezza che ci è stata vicino, che abbiamo inseguito, le serate a sognare, a parlare, a programmare il futuro come se la nostra vita non dovesse aver fine, ad immaginare di cavalcare la vita comunque, ad essere diversi da quelli che eravamo o a volere credere essere diversi.

E poi gli affetti. A partire da chi ci ha fatto compagnia nella vita, ha condiviso momenti facili e difficili, ha costruito insieme tutto quello su cui oggi si cerca di resistere. E poi gli amici, il vero valore della vita, tutti gli amici. Quelli dell’età della leggerezza, della maturazione umana, che ci hanno fatto compagnia per tutto il percorso o per alcuni pezzi solamente.

Non importa se gli amici di un tempo si sono persi, non importa non averli più visti, avere visto come sono cresciuti o dove sono andati, quello che importa e che rimane scolpito nel nostro cuore e nella nostra mente, è le emozioni che ci hanno regalato, il piacere della sintonia che tra di noi c’è stata, le sfide che magari abbiamo lanciato insieme e a prescindere da come sono andate a finire.

E poi gli amici recenti, che si sono aggiunti, che ci sembra di conoscere da tanto tempo, con i quali si condividono i ricordi e con i quali si costruiscono pensieri di futuro come se questo dovesse essere ancora lungo e ci dimentichiamo parlandone che ormai dovremmo usare altre parole per indicare il prosieguo del nostro cammino.

Affetti e ricordi sono il vero motore, il portale come direbbero oggi i giovani, che ci consente di costruire l’ultimo pezzo di vita, l’ultimo miglio del nostro andare.

 

Inserito il:08/10/2020 11:15:46
Ultimo aggiornamento:08/10/2020 11:21:36
Condividi su
ARCHIVIO ARTICOLI
nel futuro, archivio
Torna alla home
nel futuro, web magazine di informazione e cultura
Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy *
(*obbligatorio)
Questo sito utilizza cookies.
Cookie policy | Privacy policy

Associazione Culturale Nel Futuro – Corso Brianza 10/B – 22066 Mariano Comense CO – C.F. 90037120137

yost.technology