Aggiornato al 26/01/2023

Non sono d’accordo con quello che dici, ma difenderò fino alla morte il tuo diritto a dirlo

Voltaire

Da Auralcreve.com – Music therapy

 

Come la musica, oltre che divertirci, può curare le malattie

di Achille De Tommaso

 

La musica è strutturale, matematica e architettonica. Si basa sulle relazioni tra una nota e l'altra. Potresti non esserne consapevole, ma il tuo cervello deve fare molti calcoli per darle un senso. Ci sono poche cose che stimolano il cervello come fa la musica. Se vuoi mantenere il tuo cervello impegnato durante il processo di invecchiamento (e magari rallentarlo), ascoltare o suonare musica è un ottimo strumento. Fornisce un allenamento cerebrale totale.

 

***

Metti in moto la tua creatività.

Ascolta ciò che ascoltano i tuoi figli o nipoti, suggeriscono gli esperti. Spesso continuiamo ad ascoltare le stesse canzoni e lo stesso genere musicale che ascoltavamo durante la nostra adolescenza, e generalmente evitiamo di ascoltare qualcosa che non sia di quell'epoca. Invece la nuova musica sfida il cervello in un modo che la vecchia musica non fa. All'inizio potrebbe non sembrare piacevole, ma quella non familiarità costringe il cervello a lottare per comprendere i nuovi suoni. I nuovi ritmi. Ascoltando musica di tipo nuovo ci farebbe trovare ad amarla, dopo non averla capita o rigettata. Qualcuno di voi, ascoltando il jazz la prima volta ha pensato che fosse solo una ammucchiata di suoni cacofonici e stonati? Qualcuno di voi ha considerato stonate le note “diminuite”? Qualcuno di voi, ascoltandole la prima volta, ha pensato che le canzoni di Battisti fossero stonate o “sbagliate”, con i loro cambiamenti di ritmo non canonici?

Richiama un ricordo di molto tempo fa.

Ascolta, ovviamente, anche musica che ti è familiare, specialmente se proviene dallo stesso periodo di tempo in cui eri giovane. Ascoltare i Beatles potrebbe riportarti (se hai la mia età…) al primo momento in cui hai posato gli occhi sul tuo futuro coniuge, per esempio; o alle “festine”, rigorosamente di pomeriggio e col grammofono Lesa.

Ascolta il tuo corpo.

Presta attenzione a come reagisci alle diverse forme di musica e scegli il tipo che funziona per te. Ciò che aiuta una persona a concentrarsi potrebbe distrarre qualcun altro; e ciò che aiuta una persona a rilassarsi potrebbe far innervosire un'altra persona.

MA LA MUSICA NON È SOLO DIVERTIMENTO: PUÒ ANCHE GUARIRE!

Lo ricordate? Mentre il COVID-19 si è diffuso insidiosamente in tutto il mondo, le persone hanno cercato conforto nella musica. Hanno cantato dai loro balconi, eseguito concerti e creato melodie sia sciocche che serie. In tanti abbiamo usato la musica come un modo per connetterci, consolare e sollevare lo spirito durante questi tempi inquietanti.

La musica cura? Sicuramente cura la nostra psiche; e, tra i vari studiosi che studiano il fenomeno di interazione musica-cervello, ci sono  David Silbersweig, primario e presidente del Dipartimento di Psichiatria del Brigham and Women's Hospital (BWH); professore di Psichiatria presso la Harvard Medical School, e Nikki Haddad, professoressa di psichiatria al BWH e presso la Warren Alpert Medical School della Brown University.

Silbersweig e Haddad sono entrambi musicisti (lui suona il trombone, la batteria e la chitarra, lei canta e suona la chitarra); e hanno ricerche di lunga data su come la musica ecciti il ​​cervello e su come possa essere usata per migliorare la salute. Tra gli altri progetti, stanno collaborando con la facoltà del Berklee Music and Health Institute di Boston per studiare il ruolo della musica nel supportare gli operatori di terapia intensiva nella lotta contro il COVID-19.

Nel suo laboratorio del BWH, Silbersweig utilizza la tecnologia di imaging per scrutare (in modo non invasivo) all'interno del cervello degli individui, e osservare come i loro circuiti neurali si attivino in tempo reale. I suoi pazienti includono anche sopravvissuti a ictus e tumori, che hanno sviluppato condizioni particolari legate alla musica, a causa di danni al loro tessuto cerebrale. Ad esempio, i pazienti con amusia sensoriale perdono la capacità di percepire o rispondere alla musica, e quelli con allucinosi musicale percepiscono invece la musica anche quando non è in riproduzione. Col loro lavoro cercano approfondimenti su come i nostri cervelli elaborino musica e ritmi.

La musica attiva diverse parti del cervello

Il processo attraverso il quale siamo in grado di percepire una serie di suoni come musica è incredibilmente complesso, spiega Silbersweig in un articolo del 2018 sugli effetti neurobiologici della musica sul cervello. Inizia con le onde sonore che entrano nell'orecchio, colpiscono il timpano e provocano vibrazioni che vengono convertite in segnali elettrici. Questi segnali viaggiano attraverso i nervi sensoriali fino al tronco encefalico, la stazione di trasmissione dei messaggi del cervello per le informazioni uditive. Quindi si disperdono per attivare le cortecce uditive e molte altre parti del cervello. È interessante notare che diverse parti del cervello vengono attivate a seconda del tipo di musica, ad esempio quella melodica o da discoteca, e anche in modo diverso a seconda se stiamo ascoltando, suonando, imparando, o componendo musica.

Secondo Silbersweig la musica può alterare la struttura e la funzione del cervello, sia dopo un'esposizione immediata che una ripetuta. Ad esempio, è stato dimostrato che l'allenamento musicale nel tempo aumenta la connettività di alcune regioni del cervello. "Se suoni uno strumento come il violino", afferma, "le aree del tuo cervello associate alle frequenze del violino sono più stimolate e le connessioni sinaptiche sono più ricche".

Il potere curativo della musica

Questi cambiamenti nei circuiti cerebrali e nella connettività suggeriscono opportunità per attivare determinate regioni e per promuovere la guarigione, afferma Silbersweig. Lui e Haddad, tra l’altro, utilizzano una ricerca cerebrale d’avanguardia per sviluppare ancor di più, ciò che è già noto sul potere terapeutico della musica, per i pazienti con demenza, depressione e altre condizioni neurologiche. La coppia nota, ad esempio, che suonare una marcia o un altro brano ritmico per le persone con malattia di Parkinson stimola gli stessi circuiti cerebrali che le fanno muovere fisicamente. Allo stesso modo, le persone con perdita della memoria a breve termine, dovuta al morbo di Alzheimer, spesso riconoscono canzoni familiari come "Happy Birthday" perché "quella memoria è codificata nella memoria a lungo termine del loro cervello", osserva Haddad.

Haddad esemplifica: "Ho visto casi di pazienti sedati, sdraiati, con gli occhi chiusi, incapaci di comunicare. E quando suoni una canzone che riconoscono dalla loro giovinezza, i loro occhi si illuminano. Sono seduti e sorridono. È semplicemente incredibile”.

Come la musica attiva aree cerebrali “in concerto”

Secondo David Silbersweig potremmo non rendercene conto quando ascoltiamo una nostra melodia preferita, ma la musica attiva molte parti diverse del nostro cervello. Queste includono:

  • Il lobo temporale, compresi i giri temporali specifici (rigonfiamenti sul lato della superficie rugosa del cervello) che aiutano a elaborare il tono musicale.
  • Il cervelletto, che aiuta a elaborare e regolare il ritmo, i tempi e il movimento fisico.
  • L'amigdala e l'ippocampo, che svolgono un ruolo nelle emozioni e nei ricordi.

Dal 2006, due altri professori dell'UCF, il neuroscienziato Kiminobu Sugaya e la violinista di fama mondiale Ayako Yonetani, tengono uno dei corsi più popolari del Burnett Honors College. Il corso si titola "Music and the Brain", ed esplora il modo in cui la musica influisce sulla funzione cerebrale e sul comportamento umano, anche riducendo lo stress, il dolore e i sintomi della depressione, nonché migliorando le capacità cognitive e motorie, l'apprendimento spazio-temporale e la neurogenesi, che è la capacità del cervello di produrre neuroni. Tra le varie cose, Sugaya e Yonetani insegnano come anche le persone con malattie neurodegenerative come l'Alzheimer e il Parkinson rispondano positivamente alla musica. Queste risultanze possono essere viste con rilevamenti da risonanza magnetica, dove "molte parti diverse del cervello si illuminano". 

QUAL È LA MUSICA MIGLIORE?

Per un po' di tempo i ricercatori hanno creduto che la musica classica aumentasse l'attività cerebrale, e rendesse i suoi ascoltatori più intelligenti; un fenomeno chiamato effetto Mozart. Ma, a quanto pare, che si tratti di rock 'n' roll, jazz, hip-hop o classica, la tua materia grigia preferisce semplicemente “la musica che fai tu”. "Dipende dal background personale", afferma Yonetani: studi recenti hanno scoperto che le persone affette da demenza, semplicemente, rispondono meglio alla musica con cui sono cresciute.

USALO O PERDILO

Siamo tutti nati con più neuroni di quanti ne abbiamo realmente bisogno. In genere all'età di 8 anni, il nostro cervello esegue un’importante “pulizia” di neuroni, rimuovendo tutti i neuroni non usati, e quindi percepiti come non necessari; motivo per cui è più facile insegnare la lingua e la musica ai bambini più piccoli. "Se impari la musica da bambino, il tuo cervello diventa progettato per la musica", afferma addirittura Sugaya.

UCCELLI CANORI STAGIONALI

Sugaya ha anche condotto studi neurologici sugli uccelli canori. La sua ricerca ha scoperto che "i canarini smettono di cantare ogni autunno, quando muoiono le cellule cerebrali responsabili della generazione delle canzoni dei cinguettii". Tuttavia, i neuroni ricrescono durante i mesi invernali e gli uccelli imparano di nuovo i loro canti in primavera. Lo prende come un segno che "la musica può aumentare la neurogenesi nel cervello".

RIFERIMENTI:

John Hopckins Medicine

Harward Medical Scool - Music and the Brain

UCF – University of Central Florida

 

Inserito il:17/01/2023 19:31:26
Ultimo aggiornamento:17/01/2023 19:35:56
Condividi su
ARCHIVIO ARTICOLI
nel futuro, archivio
Torna alla home
nel futuro, web magazine di informazione e cultura
Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy *
(*obbligatorio)


Questo sito non ti chiede di esprimere il consenso dei cookie perché usiamo solo cookie tecnici e servizi di Google a scopo statistico

Cookie policy | Privacy policy

Associazione Culturale Nel Futuro – Corso Brianza 10/B – 22066 Mariano Comense CO – C.F. 90037120137

yost.technology | 04451716445