Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni dei cookie clicca su Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK, ho capito]
Aggiornato al 20/04/2021

È molto più bello sapere qualcosa di tutto, che tutto di una cosa; questa universalità è la cosa più bella.

Blaise Pascal

Carlos Romero (from Chantilly, Virginia - United States) - Disobedience

 

Il potere della disobbedienza letteraria

di Alessandra Tucci

 

Il fuoco di Tolstoj.
Il pennello emozionale di Marai.
La lama di Oriana, la Fallaci.
La grazia ai limiti dell’idiozia di Dostoevskij.
Il vivo fatalismo di Tomasi e del principe Salina.
L’elegante e ribollente femminino della Bronte, Charlotte.
La devastante sobrietà di Primo Levi.
L’autenticità di Llewellyn negli ambienti e in ogni tratto.
Il sapore vizioso e raffinato del gusto dell’esistere di Wilde.

La disobbedienza, quella fulminante, di Pier Paolo Pasolini.

L’Eros di Platone e di tutta la sapienza universale, quel soffio vitale che è scoprire contemplare sperimentare, è agire. Col cuore.

Il susseguirsi dei perché socratici che intercettano i limiti del vivere sociale e scavallando valicano.
L’eleganza emozionale di Catullo Ovidio Saffo, di Trilussa Keats Baudelaire.

La furia il fermento il furore di Sofocle Eschilo Euripide, cuori che fibrillano senza paura di essere arrestati perché aver timore è non vivere, temendo si muore. Per davvero, nel profondo. E si spegne la vi(s)ta. Su questo mondo.

Vorrei non dover (rin)chiudere gli orizzonti letterari nei soli tempi andati e mai passati,
vorrei poter attingere da ieri da oggi da domani.

Vorrei una neo cultura che risuoni in tutti i tempi, che da ogni tempo consenta di vibrare,
che osi il vecchio e il nuovo, il diverso, la densità, l’ironia, la ribellione, il pathos,
l’antica eternamente giovane capacità di essere e al contempo evolvere,
che osi l’eroico emergere dal facile e asettico conformarsi al medio. E lì morire.
Che osi osare.

E’un desiderio il mio, è il suo ruolo.


Che la letteratura torni a marcare ad ogni nuova uscita la sua eterna impronta,
un marchio vivo, non meccanico asettico tutto uguale,
il marchio del coraggio della peculiarità, quello umano.

Che riscenda in campo, torni a dettare lei le regole del gioco.

Che richiami a sé la coscienza umana con le sue carte: la conoscenza, che sia di nuovo consapevolezza.

E la risvegli dal suono ipnotizzante del pifferaio magico. Che addormenta.

 

 

Inserito il:05/03/2021 11:47:59
Ultimo aggiornamento:05/03/2021 11:56:06
Condividi su
ARCHIVIO ARTICOLI
nel futuro, archivio
Torna alla home
nel futuro, web magazine di informazione e cultura
Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy *
(*obbligatorio)
Questo sito utilizza cookies.
Cookie policy | Privacy policy

Associazione Culturale Nel Futuro – Corso Brianza 10/B – 22066 Mariano Comense CO – C.F. 90037120137

yost.technology