In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione più piacevole per i nostri clienti.
Cliccando sul link "Informazioni" qui di fianco, puoi trovare le informazioni per disattivare l' installazione dei cookies,ma in tal caso il sito potrebbe non funzionare correttamente.Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK]
Aggiornato al 18/11/2019

È molto più bello sapere qualcosa di tutto, che tutto di una cosa; questa universalità è la cosa più bella.

Blaise Pascal

Abraham Brueghel (Anversa, 1631 – Napoli, 1697) – Allegoria della bellezza

 

What Is Beauty?

By Paola Tinè

 

When we talk of beauty rituals and practices, we need to observe the context where they were born, trying to understand what values are behind them, and how they reinforce the beliefs of the society in which they exist. Of course, the construction of the body image, constitutes a fundamental part in a society’s aesthetic imaginary. The body becomes a landscape in which the aesthetic of a culture is recreated in the same way that artefacts, objects of daily life and architectonics can perform this role. Beside the purely aesthetic reason, however, the ideas around beauty are always strictly connected with dynamics of power, which operates based on people’s consensus on a certain way of thinking. Additionally, in a consumeristic society like the modern Western one, people who follow the ‘beauty rules’, by adhering to a certain way of appearing, are not just tools in the hands of marketing campaigns, but also the living perpetuation of the ideology of consumption, materialism and objectification of people themselves. Now more than ever, it seems to me that a certain way of appearing, proposed by magazines, TV, advertisings and the Internet, is the idea that men and women are mere objects and consuming subjects at the same time. However, I believe that there has never been a culture with no ideas on what the right way of appearing is, and that there has always been an ideology supporting this. For example, some woman in the 50s used some drops of poison in their eyes to dilatate their pupils, in order to obtain a childish and innocent look in their face. Practices of beauty tell us a lot on the ideology of the society in which they are born. In this case, it seems that the faked innocence would be a great way for woman to appear good. But with what goal, we could ask ourselves.

One goal of beauty rituals, practices and beliefs is certainly to obtain the approval of the other members of the society, because a person that looks ugly (according to the meaning that a certain society has given) will not be respected and will have a difficult social life. To have a positive social life, to find love, or simply to fulfil one’s vain desires of admiration, is the motor for people to adopt beauty practices, in order to obtain the ‘winning look’. Here I wish to add that the specific desires of each person change according to the personality, life experience, and of course, social pressures. However, in contemporary Western society there is not just a push factor for objectifying ones’ body, but also a more common reason for this: you have to be liked by everyone in order to be happy. This illusion of happiness can be perpetuated even more easily if everybody has the same idea of beauty. This connection between personal motivations and social pressure has always acted as a strong basis for the formation of shared, despite evolving, ideas of beauty. In my opinion, the consequence of this interaction is the production of even more sufferance in the individuals. Attracted by the idea of happiness, people eventually find themselves lost in a world of sad and empty clones. The acceptance of one’s self remains too far in the distance for many people to fulfil their happiness and desires. However, anthropologically speaking, humans have been proven to be able to adapt to any kind of culture, to believe and follow any kind of social construction, and, according to many anthropologists, people need a culture to live in, in order to form their mind, develop a language and, with this, to expand upon other mental abilities.

The problems start when people struggle with what they are, with their ‘physical humanity’ and try to achieve a body model that is given to them. This body model is always hard to reach, is often unnatural, needing efforts, sacrifices and sufferance. Almost always, it requires spending a lot of money. When body practices are also linked to health, such as using oil for your hair, I do not think that this is psychologically harmful, and such knowledge could instead simply help a person to take care of themselves to be physically and mentally healthy. Of course, if these practices become an obsession, they can harm and be counterproductive. Differently, many beauty practices and even rituals, almost always include a physical sufferance and a diminution of self-confidence. This is the case of initiation rituals, where people must undergo skin excoriations, with piercings, and tattoos, or with parts of their bodies being deformed or even cut off. The reason such practices are perpetuated is for the continuation of culture. Furthermore, in the specific case of body rituals, people can be admitted as full members of a society, within which a physical distinction will serve to mark them as part of the community forever, and to distinguish them from the others. For instance, some tribes of Africa have the practice of removing some of their teeth, to distinguish themselves from other tribes. Originally, these practices were supported by the belief that people would have also looked good in that way, and that their appearance was better than the one of people of other ethnic groups.

 

Cos'è la bellezza?

Quando parliamo di rituali e pratiche di bellezza, dobbiamo osservare il contesto in cui sono nati, cercando di capire quali valori sono dietro di loro e come rafforzano le credenze della società in cui esistono. Naturalmente, la costruzione dell'immagine corporea, costituisce una parte fondamentale nell'immaginario estetico di una società. Il corpo diventa un paesaggio in cui l'estetica di una cultura viene ricreata nello stesso modo in cui artefatti, oggetti della vita quotidiana e architettura possono svolgere questo ruolo. Oltre alla ragione puramente estetica, tuttavia, le idee sulla bellezza sono sempre strettamente connesse con la dinamica del potere, che opera in base al consenso delle persone su un certo modo di pensare. Inoltre, in una società consumistica come quella occidentale moderna, le persone che seguono le "regole della bellezza", aderendo a un certo modo di apparire, non sono solo strumenti nelle mani delle campagne di marketing, ma anche la perpetuazione vivente dell'ideologia di consumo, materialismo e oggettivazione delle persone stesse. Ora più che mai, mi sembra che un certo modo di apparire, proposto da riviste, TV, pubblicità e Internet, sia l'idea che uomini e donne siano semplici oggetti e soggetti consumanti allo stesso tempo. Tuttavia, credo che non ci sia mai stata una cultura senza idee su quale sia il modo giusto di apparire e che ci sia sempre stata un'ideologia a supporto di questo. Ad esempio, una donna degli anni '50 usò alcune gocce di veleno negli occhi per dilatare le pupille, al fine di ottenere uno sguardo infantile e innocente in faccia. Le pratiche di bellezza ci dicono molto sull'ideologia della società in cui sono nate. In questo caso, sembra che la falsa innocenza potrebbe essere un ottimo modo per le donne di apparire bene. Ma con quale obiettivo, potremmo chiederci.

Uno degli obiettivi dei rituali, delle pratiche e delle credenze sulla bellezza è certamente ottenere l'approvazione degli altri membri della società, perché una persona che sembra brutta (secondo il significato che una certa società ha dato) non sarà rispettata e avrà una difficile vita sociale. Avere una vita sociale positiva, trovare l'amore o semplicemente soddisfare i propri vani desideri di ammirazione, è il motore per le persone di adottare pratiche di bellezza, al fine di ottenere il "look vincente". Qui desidero aggiungere che i desideri specifici di ogni persona cambiano in base alla personalità, all'esperienza di vita e, naturalmente, alle pressioni sociali. Tuttavia, nella società occidentale contemporanea non esiste solo un fattore di spinta per oggettivare il proprio corpo, ma anche una ragione più comune per questo: bisogna essere graditi da tutti per essere felici. Questa illusione della felicità può essere perpetuata ancora più facilmente se tutti hanno la stessa idea di bellezza. Questa connessione tra le motivazioni personali e la pressione sociale ha sempre agito come una base forte per la formazione di idee condivise, nonostante l'evoluzione, della bellezza. Secondo me, la conseguenza di questa interazione è la produzione di una sofferenza ancora maggiore negli individui. Attratte dall'idea di felicità, le persone alla fine si ritrovano perse in un mondo di cloni tristi e vuoti. L'accettazione di se stessi rimane troppo lontana per molte persone per soddisfare la loro felicità e desideri. Tuttavia, antropologicamente parlando, gli umani hanno dimostrato di essere in grado di adattarsi a qualsiasi tipo di cultura, di credere e seguire qualsiasi tipo di costruzione sociale e, secondo molti antropologi, le persone hanno bisogno di una cultura in cui vivere, al fine di formare la loro mente, sviluppare un linguaggio e, con questo, espandere altre capacità mentali.

I problemi iniziano quando le persone lottano con ciò che sono, con la loro "umanità fisica" e cercano di raggiungere un modello corporeo che viene loro dato. Questo modello corporeo è sempre difficile da raggiungere, è spesso innaturale, necessita di sforzi, sacrifici e sofferenza. Quasi sempre, richiede spendere molti soldi. Quando le pratiche del corpo sono anche legate alla salute, come l'uso di olio per i capelli, non penso che questo sia psicologicamente dannoso e tale conoscenza potrebbe invece semplicemente aiutare una persona a prendersi cura di se stessa per essere fisicamente e mentalmente sana. Naturalmente, se queste pratiche diventano un'ossessione, possono danneggiare ed essere controproducenti. Diversamente, molte pratiche di bellezza e persino rituali includono quasi sempre una sofferenza fisica e una diminuzione della fiducia in se stessi. Questo è il caso dei rituali di iniziazione, in cui le persone devono subire escoriazioni cutanee, con piercing e tatuaggi o con parti del loro corpo deformate o addirittura tagliate. Il motivo per cui tali pratiche vengono perpetuate è per il proseguimento della cultura. Inoltre, nel caso specifico dei rituali del corpo, le persone possono essere ammesse come membri a pieno titolo di una società, all'interno della quale una distinzione fisica servirà a contrassegnarli come parte della comunità per sempre e a distinguerli dagli altri. Ad esempio, alcune tribù dell'Africa hanno la pratica di rimuovere alcuni dei loro denti, per distinguersi dalle altre tribù. Inizialmente, queste pratiche erano supportate dalla convinzione che le persone avrebbero avuto un bell'aspetto in quel modo e che il loro aspetto era migliore di quello delle persone di altri gruppi etnici.

Inserito il:07/11/2019 10:28:12
Ultimo aggiornamento:17/11/2019 22:06:39
Condividi su
ARCHIVIO ARTICOLI
nel futuro, archivio
Torna alla home
nel futuro, web magazine di informazione e cultura
Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy *
(*obbligatorio)
Questo sito utilizza cookies.Informazioni e privacy policy

Associazione Culturale Nel Futuro – Corso Brianza 10/B – 22066 Mariano Comense CO – C.F. 90037120137

yost.technology