In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione più piacevole per i nostri clienti.
Cliccando sul link "Informazioni" qui di fianco, puoi trovare le informazioni per disattivare l' installazione dei cookies,ma in tal caso il sito potrebbe non funzionare correttamente.Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK]
Aggiornato al 22/07/2018

Vincenzo Camuccini (Roma, 1771 - Roma, 1844) - Morte di Giulio Cesare (1806)

 

Spiacevoli conoscenze

di Iman Zahra Favretto

 

 

Mi arrendo alla mia forma,
Credo nella mia essenza,
Non aspiro che ad una meta
Mia è solo mia...
Poiché non vi è giustizia nell’equità.

Chi siete voi esseri silenti?
Vi aggrappate ai sogni altrui,
Sotto questo cielo plumbeo,
Che vi favorisce nell’imbroglio
E accentua la vostra falsa fama.

Credere è a un passo dall’essere,
Eppure non vi è strada che mi
Possa dimostrare la vostra veridicità.
Siete anime voraci alla ricerca di
Una più cospicua dannazione ...

Non vi è redentore e non vi sono redenti,
È una spirale che riporta al punto focale.
Quindi, mostratevi e prostratevi spiriti vacui
Innalzate il vostro lamento ormai vano,
Ho perso la percezione di ciò che è umano.

 

Scarica l'articolo in PDFgenera pdf
Inserito il:22/02/2018 09:45:05
Ultimo aggiornamento:22/02/2018 09:58:50
Condividi su
Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy *
(*obbligatorio)
nel futuro, web magazine di informazione e cultura nel futuro, archivio
Questo sito utilizza cookies.Informazioni e privacy policy
yost.technology