In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione più piacevole per i nostri clienti.
Cliccando sul link "Informazioni" qui di fianco, puoi trovare le informazioni per disattivare l' installazione dei cookies,ma in tal caso il sito potrebbe non funzionare correttamente.Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK]
Aggiornato al 20/02/2020

È molto più bello sapere qualcosa di tutto, che tutto di una cosa; questa universalità è la cosa più bella.

Blaise Pascal

Tiffany Hagen (Long Pond, PA - United States) - The Power of Words

 

Il potere delle parole

di Alessandra Tucci

 

Una parola nuova, a noi totalmente ignota.

Non è difficile trovarla.

Un libro, basta aprirne uno qualsiasi. Il vocabolario, una semplice chiacchierata. Un dialogo, non un monologo. Magari con una diversa umanità.

Una parola nuova, percepirla comprenderla ed osservarla. Osservarsi.

Osservare l’impatto di lei su di noi, le sensazioni che genera, insolite, i mondi che rivela, differenti.

Osservarsi davanti a un orizzonte tutto nuovo, all'improvviso.

Noi percepiamo quello che conosciamo, l’energia che assorbiamo. Quello che percepiamo viviamo. Senza alcuna approssimazione, non c’è eccezione.

Le parole sono energia, noi siamo energia. L’interazione crea emozioni. L'interazione crea.

Le emozioni sono molecole, i mattoni con i quali costruiamo la nostra realtà. Emozionale e, inevitabilmente, mentale sensoriale e fisica.

Quanti più mattoni acquisiamo, tanto più possiamo creare. Più in là, più in alto, più nel profondo.

Quanto più eterogenei li scegliamo, tanto più variegato riusciamo a rendere il nostro creato.

E’ tutto qui, è espansione. Del nostro linguaggio, della realtà intima ed esterna, della vita tutta intera.

E’ espansione di noi.

Essere consapevoli di ciò è costruire consapevolmente.

Esserne consapevoli è ricerca continua. Di un mattone in più, una molecola più vivida, di una nuova emozione, un’altra realtà. Di una dimensione più estesa.

Esserne consapevoli è usare il potere che abbiamo. E’ liberarsi, è librarsi.

Abbiamo la penna, abbiamo l’inchiostro, abbiamo un universo sul quale scrivere la nostra storia.

E abbiamo a disposizione un vocabolario esteso, ricco, denso e intenso, duttile e poliedrico. La lingua italiana.

Le sue radici a succhiare linfa in tutti i nostri passati, i polmoni immersi nell'atmosfera presente, lo sguardo al futuro.

Un vocabolario guizzante e corposo, vivo.

Consentiamogli di vivificarci.

 

Inserito il:06/02/2020 10:35:40
Ultimo aggiornamento:06/02/2020 11:22:57
Condividi su
ARCHIVIO ARTICOLI
nel futuro, archivio
Torna alla home
nel futuro, web magazine di informazione e cultura
Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy *
(*obbligatorio)
Questo sito utilizza cookies.Informazioni e privacy policy

Associazione Culturale Nel Futuro – Corso Brianza 10/B – 22066 Mariano Comense CO – C.F. 90037120137

yost.technology