Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni dei cookie clicca su Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK, ho capito]
Aggiornato al 29/11/2020

È molto più bello sapere qualcosa di tutto, che tutto di una cosa; questa universalità è la cosa più bella.

Blaise Pascal

Helen Kishkurno (Kharkiv, Ukraine - ) - Icon Life-giving Spring

 

Le Sacre Icone ai tempi del Coronavirus

di Giovanni Boschetti

 

<Non riuscivamo a capire se eravamo sulla terra o sui cieli, non potevamo sapere che esistesse una tale spettacolo di così grande bellezza; ma eravamo certi che Dio stava tra la gente. Tale funzione era la migliore che avessimo mai visto prima>
(...
raccontavano i Savi. Si trattava della testimonianza artistico-religiosa, delle tradizioni di Bisanzio e del concetto dell’Incarnazione Divina nella Bellezza del Tempio)

Un lento rintocco di campane che suonano “a morto”. Urla lancinanti di sirene che vanno di casa in casa o che giungono nelle braccia di sfiniti infermieri, ogni giorno. Un silenzio spettrale. Strade deserte, case piene di gente ansiosa, paurosa.
Decine di migliaia di morti e centinaia di migliaia di ricoverati sono il costante e mutante numero di persone vittime del più innocuo e sconosciuto virus che la terra abbia mai generato negli ultimi anni.

Un virus, codificato in COVID 19, non era nella lista killer del genere umano.
In questo scenario sboccia la primavera nel mondo del nord dove i primi raggi tiepidi del vecchio sole illuminano l’umanità. Fiori colorati, cinguettii di uccelli, le prime farfalle e qualche timido ed imberbe insetto fanno capolino, cullati dalla brezza stagionale.

Caro lettore, o chiunque tu sia, credente, incredulo o devoto, tu che stai leggendo queste righe, ti sarai chiesto perché? Perché parlare di un’Arte così importante quanto sconosciuta ai più, in momenti così tristi e colmi di disperazione.
Loro sono lì, appese in uno spazio così piccolo rispetto alla loro grandezza in un chiarore tremolante al susseguirsi delle ore. Mi guardano e dai loro occhi, grandi e profondi, si intravede la gioia nel voler comunicare.

In questi tempi di angustie, speranze e dubbi, loro sono presenti e mi...chiamano. Non le ho mai osservate come devoto o credente, ma sempre le ho ammirate per la loro Bellezza, connubio fra estetica e spiritualità.
Cammino, le osservo una ad una, noto particolari che mi sono sempre sfuggiti come a chi guarda, ma non vede. Il profumo buono di cose antiche c’è; la presenza delle loro storie la percepisco. Storie fatte di preghiere, lacrime, genuflessioni, infinite giaculatorie, boati di cori e richieste di Grazie. Qualche miracolo? Forse. Qualche Grazia, sicuramente. Mille storie vissute e mai raccontate.

E sono lì, le Sacre Icone, e le vedo, dietro una cortina sento la loro inequivocabile presenza di ciò che raffigurano.
Nel silenzio più assordante a cui non ero abituato, sento la loro voce fatta di mille e mille voci, una nenia che culla ed avvolge le vite di chi ha creduto e vissuto con loro: la voce della Vita. Ed ancora. Sfociano i richiami ai valori dell’Umanità, quei valori a cui l’uomo ha rinunciato da tempo credendo di essere lui al centro dell’Universo, anziché farne parte. Stupido, stupido uomo così piccolo nella Conoscenza quanto presuntuoso nel voler dominare la Natura!
Momenti non emozionanti , ma sensazionali. Le Sacre Icone non destano emozioni, ma richiamano sensazioni; la sensazione della gioia, del benessere, della felicità, della intimità...della beatitudine. È così che sto vivendo in mezzo a loro, ogni giorno fino a quando la prigionia, imposta da un essere minuscolo, sarà alleviata da buone notizie.

Queste sono loro, le Sacre Icone, che mi aspettano per raccontarmi la loro vita, ma soprattutto per insegnarmi che c’è, che esiste quel mondo venturo in cui noi tutti ci troveremo dopo aver viaggiato, tremolanti, come riflessi su infiniti specchi.
Tutto svanisce ed un lievissimo soffio inonda ovunque...è il "Respiro di Dio"

La Bellezza è tornata, uscita dal Tempio per riportare il suo Amore.

 

 

Inserito il:31/03/2020 17:09:42
Ultimo aggiornamento:31/03/2020 17:26:32
Condividi su
ARCHIVIO ARTICOLI
nel futuro, archivio
Torna alla home
nel futuro, web magazine di informazione e cultura
Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy *
(*obbligatorio)
Questo sito utilizza cookies.
Cookie policy | Privacy policy

Associazione Culturale Nel Futuro – Corso Brianza 10/B – 22066 Mariano Comense CO – C.F. 90037120137

yost.technology