Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni dei cookie clicca su Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK, ho capito]
Aggiornato al 01/03/2021

È molto più bello sapere qualcosa di tutto, che tutto di una cosa; questa universalità è la cosa più bella.

Blaise Pascal

Daniel Xiao (from College Station, Texas - United States) - Lady in the Lavender Fields

 

“Il tuo ricordo è la mia felicità”

di Simonetta Greganti Law

 

Seduta davanti allo specchio della sua toletta Valery pensava a come due nomi concreti “dono e lavanda” potessero fondersi in un unico sostantivo astratto “amicizia”.

Da quando aveva ricevuto quel regalo confezionato in una meravigliosa scatola violetta, contenente molti prodotti per la cura del corpo, tutti rigorosamente alla lavanda, chiudendo gli occhi mentre li massaggiava sulla pelle pensava che la vera amicizia non avrebbe mai potuto esaurirsi neppure con la distanza.  Sarebbe bastato quell’odore ormai quotidiano ad evocare tanti ricordi indimenticabili. Si, ricordi permanenti, proprio come perenne è la stessa piantina tanto profumata.

Aveva controllato il significato di lavanda nel linguaggio dei fiori e ne era rimasta piacevolmente sorpresa per aver letto la seguente definizione “Il tuo ricordo è la mia felicità”.   Per questo motivo si compiacque poiché, già da sola, aveva dedotto che spesso la felicità era data proprio dal ricordo.

Aveva compreso che ricevere o regalare lavanda poteva nascondere un messaggio di profonda amicizia e se ne rallegrò.

Quel profumo intenso aveva favorito uno stato di profondo relax facendola fantasticare di essere insieme ai suoi amici nella loro casa sul lago, scenario suggestivo di tanti loro incontri.

Era questo uno spettacolo naturale che apriva il cuore alla vita e, tra i riflessi di quella vasta distesa d’acqua, venivano proiettati nella sua immaginazione i numerosissimi episodi di giornate ormai trascorse.

Sapeva che i suoi amici potevano bearsi del privilegio di tale veduta ogni giorno semplicemente affacciandosi alla finestra.  A lei invece era permesso solo grazie al pensiero che le consentiva di raggiungerli in quei luoghi.  Era solo grazie al ricordo che anche lei poteva gioire di quello stesso paesaggio. 

Nel passato avevano spesso ammirato insieme quel lago, anche da diverse prospettive, eppure solo inconsapevolmente aveva notato il blu lavanda tra le infinite sfumature dei colori diluiti in quelle acque.  Come cangiavano le tinte nelle diverse ore della giornata o a seconda degli umori del tempo!  Ora però, nei suoi ricordi, tra le tante varietà di blu notte, di blu melanzana o di blu cobalto primeggiava tra tutte proprio il blu lavanda.

Certo la lavanda avrebbe dovuto farle venire in mente le valli della Provenza invece Valery non la visionava in sterminati campi di fiori blu che impregnavano d’intenso profumo l’aria di quella regione a sud-est della Francia, bensì la percepiva nei piccoli cespugli carichi di spighe violacee che spuntavano da uno splendido giardino lombardo.   Il loro effluvio, che distingueva solo nella sua immaginazione, le rinnovava il vincolo dell’amicizia.

Era stata fortunata ad avere per tanti anni la compagnia di amici speciali capaci di trasformare pomeriggi normali in giornate straordinarie e questo lo sapeva bene. 

Ora che le loro strade si erano divise e distanziate da troppi chilometri era certa che li avrebbe comunque raggiunti percorrendo sentieri immaginari e seguendo le impronte che questi avevano lasciato nel suo cuore.

Ricordava anche quante chiacchiere e risate avevano fatto insieme sorseggiando, nei pomeriggi più freddi, fumanti tisane alla lavanda preparate in tazze di delicata porcellana dalle quali esalava ancora l’inconfondibile rilassante profumo di questo fiore.

 

Tisana dell’amicizia alla lavanda

1 tazza d’acqua bollente

1 cucchiaino di fiori di lavanda

Miele quanto basta

 

Procedimento:

Portare a bollore l’acqua e versarla in una teiera in porcellana.

Aggiungere i fiori di lavanda e lasciarli in infusione per circa 10 minuti, poi filtrare.

Se dovesse risultare troppo amara dolcificare con del miele naturale o, meglio ancora, con del miele alla lavanda.

 

Inserito il:23/01/2021 19:15:14
Ultimo aggiornamento:23/01/2021 19:39:42
Condividi su
ARCHIVIO ARTICOLI
nel futuro, archivio
Torna alla home
nel futuro, web magazine di informazione e cultura
Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy *
(*obbligatorio)
Questo sito utilizza cookies.
Cookie policy | Privacy policy

Associazione Culturale Nel Futuro – Corso Brianza 10/B – 22066 Mariano Comense CO – C.F. 90037120137

yost.technology