In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione più piacevole per i nostri clienti.
Cliccando sul link "Informazioni" qui di fianco, puoi trovare le informazioni per disattivare l' installazione dei cookies,ma in tal caso il sito potrebbe non funzionare correttamente.Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK]
Aggiornato al 19/12/2018

Anna Razumovskaya (Russia, Contemporanea) - Flamenco

 

Sapori di...versi

di Simonetta Greganti Law

 

Quel bicchiere di Sangria aveva avuto il potere di suscitare emozioni e fargli vivere un esclusivo momento di benessere.

Davanti al suo calice di vino e frutta che aveva gli stessi colori di uno dei tramonti dell’Andalucia, Mr. Dunn stava instaurando un personalissimo dialogo non fatto di parole ma di sensazioni uniche e se ne stava lì ad ascoltarle, affascinato da questi suoni muti ma allo stesso tempo vibranti e palpitanti.

Ci voleva ora una buona lettura per continuare a trasformare una serata normale in qualche cosa di speciale. Iniziò così a scorrere con lo sguardo nella libreria della sua casa dove c’erano volumi di medicina e di letteratura, best seller ma anche molte prime edizioni rilegate in tela o pelle e appartenute alla zia che glieli aveva lasciati in eredità con la casa insieme a molti altri mobili e ornamenti.

Come una timida dama affacciata al loggione di un teatro, un piccolo libro sembrava fare capolino dagli scaffali più alti della libreria. Foderato con un tessuto a fantasia Liberty aveva attirato la sua attenzione. Mr. Dunn avvicinò una sedia alle mensole, vi salì sopra e riuscì ad estrarre a fatica un libricino compresso tra due grossi tomi tanto da sembrare quasi volersi nascondere a sguardi indiscreti. Si rese presto conto che si trattava di un quaderno rilegato a mano. Aveva fatto parte della sua biblioteca privata da quando si era trasferito in quella casa eppure non aveva mai sfogliato quelle pagine che ora invece sembravano incuriosirlo.

Non si trattava di un diario della zia come pensò inizialmente ma di una raccolta di poesie scritte proprio da lei e intitolata “Sapori di…versi”.

La zia aveva viaggiato molto e aveva tenuto una specie di giornale di viaggio in rima; voleva trasportare sui fogli bianchi di quel quaderno, in maniera indelebile e traboccante di entusiasmo, quelle che erano state le sue sensazioni per i luoghi visitati durante le vacanze. C’era però anche un’ulteriore novità: a fianco alle emozioni legate ad un luogo traspariva il desiderio di catturare altri piaceri sensoriali abbinati al gusto. Per questo aveva deciso di trascrivere alcune brevi ricette assaporate durante i viaggi.

Per una curiosa coincidenza Mr. Dunn, proprio mentre stava sorseggiando il suo bicchiere di Sangria, si ritrovò a leggere una poesia dedicata alla Spagna e all’Andalucia.

Il tapas, che aveva conquistato l’interesse della zia, era una rosa di pasta sfoglia e zucchine che rievocava il fiore intrecciato tra i capelli della ballerina di Flamenco che sicuramente si era esibita davanti a lei regalandole questa esperienza unica.

 

BELLEZZA GITANA

 

Per evocare terre remote

la Spagna, l’Andalusia,

la chitarra pizzica note

che si trasformano in poesia.

 

Il pianto musicale conturbante e roco

parla d’amore, di morte e di passione

e brucia dentro con la forza del fuoco

mentre i piedi fanno percussione.

 

L’ardore sanguinario si miscela all’eleganza

trasportato dal ritmo e dalla nostalgia,

mentre i difficili passi di danza

contorcono il corpo come per magia.

 

Morbido è l’uso del torso e delle spalle,

le braccia hanno un gioco voluttuoso,

le mani sembrano farfalle

ma lo sguardo è molto doloroso.

 

Costumi ricchi in foggia e colore

scambiano intrecci spettacolari

e qui la Spagna mostra il folklore

di tradizioni ormai secolari.

 

Il ritmo accelera e poi s’arresta

il demone pulsa all’interno del cuore,

si è in preda all’estro che manifesta

di questa danza tutto il furore.

 

Spirito stregato che balla e langue

muove flussi di energia viscerale

ha tra i capelli un fiore rosso sangue

ma nelle vesti ha il Carnevale.

 

Così è la maschera della vita:

fuori mille colori sgargianti

dentro una faccia appassita

per colpa di tutti i suoi pianti.

 

 

ROSE DI PASTASFOGLIA E ZUCCHINE

 

Ecco un tapas squisito, facile da realizzare ma sicuramente d’effetto.

Tagliare a striscioline della larghezza di circa 5 cm un rotolo di pasta sfoglia già stesa e spargervi sopra del parmigiano grattugiato e un po’ di pepe. Con la mandolina affettare una zucchina creando delle rotelle sottili che andranno posizionate in fila, un pochino sovrapposte tra di loro, lungo la strisciolina di pasta sfoglia, lasciandole trasbordare dall’impasto. Ripiegare la striscia di pasta così da creare una specie di tasca che racchiuda le zucchine.

Arrotolare le strisce formando delle rose i cui petali saranno evidenziati dalle rondelle delle verdure. Chiudere la spirale ottenuta pizzicando la pasta per farla aderire.

Infornare a 180° fino a doratura.

Servirle calde con l’aperitivo.

Mr. Dunn pensò che sua zia non finiva mai di stupirlo.

 

Scarica l'articolo in PDFgenera pdf
Inserito il:30/08/2017 17:57:24
Ultimo aggiornamento:30/08/2017 18:54:22
Condividi su
Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy *
(*obbligatorio)
nel futuro, web magazine di informazione e cultura nel futuro, archivio
Questo sito utilizza cookies.Informazioni e privacy policy
yost.technology