In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione più piacevole per i nostri clienti.
Cliccando sul link "Informazioni" qui di fianco, puoi trovare le informazioni per disattivare l' installazione dei cookies,ma in tal caso il sito potrebbe non funzionare correttamente.Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK]
Aggiornato al 20/04/2018

Edouard Manet (Parigi, 1832 - 1883) - Due peonie bianche e un paio di forbici (1864)

 

Poesie inedite - Rosa bianca

di Iman Zahra Favretto

 

 

ROSA BIANCA

Rosa bianca, dai petali argentei,
Cresci pungente sulle rive
Dei miei stravaganti pensieri.
Dolce delicatezza astratta,
Adagiata sull'arida brughiera.
In un’amor struggente sei sbocciata
E in una notte sei cresciuta.
Hai perso molto della vita,
Sei divenuta fredda, pungente
E tra le rovine di questa dimora
Giaci silenziosa, timida ... Spoglia.
Ti hanno amata materialmente,
Con gentilezza ti hanno estirpata,
Con dolcezza ti hanno tagliata,
Con delicatezza ti hanno piegata,
Con cura ti hanno ripulita
E con sicurezza ti hanno
posata, sul tavolo marmoreo,
in una brocca di vetro.
Ma quell'acqua non ti nutre più,
Quel sole non ti riscalda più.
Appassisci! Mia bellissima rosa.
Non avrai eredi, poiché non hai prole.
I tuoi candidi petali, sono adagiati
Su questa linda tavola profumata.
Il tuo stelo, solitario marcisce.
Cosi ti sei lasciata morire
Dove sei ora?!
Oh mia giovane rosa...
Almeno io, ti ho amata.

 

Scarica l'articolo in PDFgenera pdf
Inserito il:10/04/2018 18:21:50
Ultimo aggiornamento:10/04/2018 18:29:56
Condividi su
Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy *
(*obbligatorio)
nel futuro, web magazine di informazione e cultura nel futuro, archivio
Questo sito utilizza cookies.Informazioni e privacy policy
yost.technology