In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione più piacevole per i nostri clienti.
Cliccando sul link "Informazioni" qui di fianco, puoi trovare le informazioni per disattivare l' installazione dei cookies,ma in tal caso il sito potrebbe non funzionare correttamente.Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK]
Aggiornato al 13/11/2019

È molto più bello sapere qualcosa di tutto, che tutto di una cosa; questa universalità è la cosa più bella.

Blaise Pascal
Brion-Gustave-Javert.JPG
Gustave Brion (1824 - 1877) – Javert – Les Misérables - (1862)

Ex libris – I Miserabili.

Ho un debole per i cattivi.

O forse è più corretto dire per gli antagonisti delle storie, nel senso etimologico e originario del termine, come è il caso del personaggio che ha ispirato il testo poetico che propongo questa volta.

Ho preso questa brutta piega già alla scuola media, quando durante le letture di brani dell’Iliade iniziai a fare segretamente il tifo per Achille, mentre tutti sapevano, me compreso, che il vero eroe era Ettore.

Raskolnikov, lo avranno capito anche gli ormai pochi rimasti a non aver ancora letto Delitto e castigo, non è proprio uno stinco di santo.

Se ora guardo i cartoni animati coi miei figli, rischio il litigio ogni volta che provo a difendere le ragioni del malvagio di turno. Loro, come tutti i bambini, hanno ancora chiara la distinzione tra bene e male: giustamente si aspettano il lieto fine e che il cattivo venga punito per le sue malefatte.

Io invece ad esempio, rivedendo il film Disney “Il re leone” non riesco a non provare tenerezza per l’iniqua sorte del povero Scar, bistrattato da tutti.

Il mio sogno nel cassetto di attore dilettante rimane quello di poter interpretare un giorno il ruolo di Iago, il cattivo assoluto, perfetto, fra tutti i personaggi della letteratura.

D’altronde, ditemi: che ne sarebbe della storia dei Promessi Sposi senza Don Rodrigo, o del Signore degli Anelli senza Sauron? O più semplicemente, della fiaba di Cappuccetto Rosso senza il lupo? O citando un altro film: “Cosa sarebbe il mondo senza Capitan Uncino?”.


CONSIGLIO DI LETTURA

 

Un moment après, une figure haute et noire, que de loin quelque passant attardé eût pu prendre pour un fantôme, apparut debout sur le parapet, se courba vers la Seine, puis se redressa, et tomba droite dans les ténèbres; il y eut un clapotement sourd, et l'ombre seule fut dans le secret des convulsions de cette forme obscure disparue sous l'eau.

(Victor Hugo – Les Misérables)

 

Se una lacrima incauta

dovesse sfuggirti

mentre segui le tracce

alla luce della luna

-  non sia per i denti di Fantine

né per l’infanzia di Cosette

non sprecarla per i dubbi di Valjean

o per il sangue sulle barricate

di rue Saint-Denis

non sia neppure per le ginocchia

del piccolo Gavroche

 

Conservala fino a pagina

milleduecentosettantanove

per colui che non ha chi lo pianga

mentre scivola nella Senna

 

Poi chiudi pure il libro:

sans Javert

il n’y a plus d’histoire

(senza Javert

la storia è finita)

Inserito il:15/10/2015 14:07:18
Ultimo aggiornamento:01/11/2015 16:29:24
Condividi su
ARCHIVIO ARTICOLI
nel futuro, archivio
Torna alla home
nel futuro, web magazine di informazione e cultura
Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy *
(*obbligatorio)
Questo sito utilizza cookies.Informazioni e privacy policy

Associazione Culturale Nel Futuro – Corso Brianza 10/B – 22066 Mariano Comense CO – C.F. 90037120137

yost.technology