In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione più piacevole per i nostri clienti.
Cliccando sul link "Informazioni" qui di fianco, puoi trovare le informazioni per disattivare l' installazione dei cookies,ma in tal caso il sito potrebbe non funzionare correttamente.Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK]
Aggiornato al 19/09/2019

È molto più bello sapere qualcosa di tutto, che tutto di una cosa; questa universalità è la cosa più bella.

Blaise Pascal
rasero-langhe-autunno.JPG
Piero Rasero (1947 - Monferrato) – Langhe in autunno

Ex libris - Il partigiano Johnny

 

Se mi chiedono quale sia il mio scrittore preferito, faccio molta fatica a rispondere.

Un po’ per la mia innata difficoltà nello scegliere una cosa escludendone altre. Un po’ perché i gusti cambiano a seconda dei momenti e dei libri che man mano si leggono.

Se però fossi costretto a individuare uno ed un solo nome, probabilmente non citerei uno degli autori di cui ho letto diverse opere che mi hanno appassionato.

Non Dostoevskij, né Márquez, né Saramago. Non Verga, Calvino, Vittorini, Silone. Neppure Tolkien, Camus, Shakespeare (se fosse consentito allargare lo sguardo oltre i romanzi).

Neppure un poeta, anche se per questa categoria l’elenco sarebbe ancora più lungo. D’altronde (piccola nota polemica), parlando di uno scrittore di solito si dà per scontato che si tratti di un romanziere.

Dunque, il nome che farei se non potessi proprio farne a meno, sarebbe quello di Beppe Fenoglio.

E se l’inquisitore insistesse chiedendomi anche di indicare un titolo, allora sarebbe senz’altro Una questione privata.

Forse perché quello è l’unico libro che finora io abbia letto due volte. E la seconda lettura è stata fatta ad alta voce, per le orecchie di mia moglie e anche (lasciatemi la libertà di pensarlo) per quelle di mia figlia che si muoveva nel suo grembo.

Ebbene, a conferma del fatto che la poesia è un folletto capriccioso che soffia dove e quando vuole, quel libro così amato non mi ha ispirato alcun verso.

E neppure altri similmente emozionanti e rappresentativi della Resistenza, come Il sentiero dei nidi di ragno di Calvino, Uomini e no di Vittorini, La casa in collina di Pavese, La storia di Elsa Morante.

O i meravigliosi racconti dello stesso Fenoglio, riuniti sotto I ventitre giorni della città di Alba.

Sia chiaro, Il partigiano Johnny è comunque un libro che vale la pena leggere, ma se avessi potuto scegliere io, mi sarei riferito ad un altro.

Per fare solo un esempio sul piano stilistico, l’uso dei termini inglesi, che per lui allora aveva indubbiamente un senso, ora a volte risulta quasi fastidioso.

Ma a Fenoglio io perdonerei qualunque cosa. Anche il fatto di essere morto così giovane e di avere scritto troppo poco.

 

AL PARTIGIANO JOHNNY                                                                       

 

Fifty-seven channels and nothin’ on

(Bruce Springsteen)

Dimmi, per cosa sei morto

sul declivio di Valdivilla?

 

Per la dispensa col cibo in scadenza

che cancella il sapore della fame

o per le quattro corsie

sulla strada delle vacanze?

Per le vetrine gonfie di dicembre

o il segno sulla scheda in primavera?

Per gli impianti di risalita

al posto delle granate?

Forse per la musica in tasca

o quei cinquantasette canali

tra cui posso scegliere?

Per il parcheggio sotto casa

o sotto il centro commerciale?

 

Ma il grazie mi sta nella gola

se tu cammini tra Neive e Mango

perché io abbia una storia

da raccontare ai miei figli

Scarica l'articolo in PDFgenera pdf
Inserito il:18/12/2015 09:33:10
Ultimo aggiornamento:15/01/2016 18:01:12
Condividi su
Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy *
(*obbligatorio)
ARCHIVIO ARTICOLI
nel futuro, archivio
Torna alla home
nel futuro, web magazine di informazione e cultura
Questo sito utilizza cookies.Informazioni e privacy policy

Associazione Culturale Nel Futuro – Corso Brianza 10/B – 22066 Mariano Comense CO – C.F. 90037120137

yost.technology