In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione più piacevole per i nostri clienti.
Cliccando sul link "Informazioni" qui di fianco, puoi trovare le informazioni per disattivare l' installazione dei cookies,ma in tal caso il sito potrebbe non funzionare correttamente.Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK]
Aggiornato al 17/12/2018

Scheda di presentazione: Pazienti smarriti.

Autrice
  :    Maria Rosaria Pugliese

 

Ettore, il protagonista di “Pazienti Smarriti”, è un uomo maturo, imprenditore, realizzato nella vita professionale e gratificato in quella familiare. Come l’eroe omerico di cui porta il nome, ha sempre combattuto per difendere i valori in cui crede fermamente.

All’improvviso la Malattia gli piomba addosso stravolgendogli la vita.

Inizia per Ettore la battaglia più dura.

Nell’impari lotta, però, non è solo. Lo assistono e si prendono cura di lui, passo dopo passo fino al drammatico epilogo, le donne della sua vita: la moglie, le figlie e la sorella (io narrante). L’Esercito della Salvezza, come scherzosamente egli le definisce. Il suo esercito.

Le donne, accantonando vecchi rancori e incomprensioni, si coalizzano per la salvezza del loro uomo, opponendo alla spietatezza della malattia le ragioni dell’amore.

Nel romanzo la voce narrante mitiga la tragicità della situazione con la dolcezza del ricordo. Andando a ritroso nel passato, infatti, rievoca episodi di vita familiare dai quali emerge il profondo legame che unisce fratello e sorella. Sullo sfondo, la trasformazione della società italiana di quegli anni: il miracolo economico, il progresso sociale, il benessere, ma anche il lento dissolversi di tradizioni e costumi che soccombono all’avanzata della modernità.

La scrittura è volutamente digressiva, densa di flash back e intermezzi, ma scevra da toni patetici, anzi con pagine decisamente leggere e aneddoti divertenti. All’alternarsi di presente e passato sono da ricondurre i cambiamenti dei tempi verbali che segnano il passaggio da un brano all’altro. 

L’autrice, inoltre, ricorre all’espediente onirico per narrare due episodi di malasanità, inenarrabili altrimenti. Uno di questi, lo smarrimento del paziente in ospedale, ha dato il titolo al romanzo.

pazienti-smarriti-copertina.JPG

Scarica l'articolo in PDFgenera pdf
Inserito il:07/12/2014 10:39:21
Ultimo aggiornamento:16/12/2014 17:42:48
Condividi su
Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy *
(*obbligatorio)
nel futuro, web magazine di informazione e cultura nel futuro, archivio
Questo sito utilizza cookies.Informazioni e privacy policy
yost.technology