In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione più piacevole per i nostri clienti.
Cliccando sul link "Informazioni" qui di fianco, puoi trovare le informazioni per disattivare l' installazione dei cookies,ma in tal caso il sito potrebbe non funzionare correttamente.Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK]
Aggiornato al 17/09/2019

È molto più bello sapere qualcosa di tutto, che tutto di una cosa; questa universalità è la cosa più bella.

Blaise Pascal
de-chirico-mobili-valle.JPG
De Chirico - Mobili nella Valle, 1927

La memoria degli oggetti.

Ricordare assomiglia al lavoro del giardiniere.
I ricordi sono come le piante: ce ne sono alcune che conviene eliminare per aiutare le altre a fiorire. E' una metafora vegetale per esporre con poetica chiarezza l'idea che la memoria debba essere selettiva.
Non dobbiamo cercare di ricordare tutto: talvolta conviene dimenticare il passato per vedere con più chiarezza il presente.
Troppi fardelli del passato pesano sulle spalle e impediscono una necessaria proiezione verso il futuro. Però, le piante senza radici non crescono, ecco allora che bisogna coltivare la memoria delle cose, non di tutte,ma selettivamente, alcune.  Di quelle che servono per rinsaldare i legami con il nostro passato e con le esperienze trascorse, che sono necessario nutrimento del nostro presente.

I ricordi tendono inevitabilmente a sbiadirsi, restano vividi quelli legati a degli oggetti particolari. A quelli che in un determinato tempo della nostra vita hanno accompagnato lo sgranarsi dei giorni, che ci sono stati accanto muti e fedeli: testimoni e compagni nei momenti di piacere e di riposo, efficienti durante il lavoro.
Su di loro abbiamo proiettato l'ombra della nostra personalità e li abbiamo trasformati in feticci. Siamo circondati da cose alle quali siamo legati da esperienze, bisogni, desideri. E sono queste che, mediante un processo di tipo associativo ed emotivo, ci tengono ancorati alle nostre memorie.

Meditando su questo argomento, sarebbe bello tenere in vita la memoria di persone illustri, mediante la riedizione di mobili, per esempio, che arredano gli studi di poeti, artisti, filosofi, fotografi... del passato.  Un’operazione di riedizione che resuscita gli arredi del passato, fondandosi sulla notorietà dell'utilizzatore.

A volte pezzi non straordinari, arredi comuni e anonimi, ma semplici e confortevoli che ben si addicevano alla vita dei poeti, come ad esempio Federico Garcia Lorca o Monet.  Il loro pregio non sarebbe nell'innovazione tecnologica e di design, ma nel vissuto a cui sarebbero associati.  Mobili poveri formalmente, ma ricchi sentimentalmente. Portarli in casa significherebbe introdurre nella nostra prosa quotidiana un pizzico di poesia.

Scarica l'articolo in PDFgenera pdf
Inserito il:04/11/2014 11:54:03
Ultimo aggiornamento:11/11/2014 10:46:16
Condividi su
Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy *
(*obbligatorio)
ARCHIVIO ARTICOLI
nel futuro, archivio
Torna alla home
nel futuro, web magazine di informazione e cultura
Questo sito utilizza cookies.Informazioni e privacy policy

Associazione Culturale Nel Futuro – Corso Brianza 10/B – 22066 Mariano Comense CO – C.F. 90037120137

yost.technology